Home Politica

La prima interrogazione del PD è sul CSDA

14 giugno 2012 – Il PD riprende la sua attività consiliare più o meno da dove l’aveva interrotta prima che cadesse la precedente giunta, e cioè presentando un’interrogazione sulla vicenda del Centro Sportivo Davide Ancilotto. Punto centrale del documento del PD è il parere di illegittimità dato dall’AVCP (Autorità Vigilanza Contatti Pubblici) in merito al conferimento del centro sportivo da parte dell’amministrazione comunale a FACS (leggi qui). Proprio sulla base di questo parere il gruppo consiliare dei democratici chiede a Ravelli come intenderà muoversi a proposito del futuro di Fondazione. Un’altra delle preoccupazioni del PD è proprio quella che riguarda il futuro del centro sportivo; i democratici, infatti, chiedono al sindaco se le attività sportive potranno iniziare regolarmente la prossima stagione.

Pubblichiamo di seguito l’estratto dell’interrogazione presentata dal PD con le domande poste al sindaco:
– come ed in quali tempi intenda prendere possesso del CSDA.
– se intenda o meno risolvere la convenzione stipulata con FACS.
– se intenda o meno adottare nei confronti di FACS, sua controllata, provvedimenti straordinari. stante la situazione debitoria che ne pregiudica la continuità aziendale.
– come intenda garantire la continuità delle attività sportive nell’auspicabile fase di transizione.
– se intenda o meno accertare il danno erariale e farsi parte attiva nell’accertamento delle eventuali responsabilità degli amministratori.
– se intenda o meno procedere ad un successivo bando di gara ai sensi della L. 163/06 per l’assegnazione tanto delle attività sportive quanto della gestione dei servizi del CSDA.

Contestualmente all’interrogazione il PD ha presentato anche una mozione nella quale chiede un impegno da parte dell’amministrazione a intraprendere il censimento degli edifici sfitti e inutilizzati e ad aggiornare tale censimento almeno ogni cinque anni.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.

Servizio di Claudia Carminati