Home Politica

M5S: nella nostra zona raccolte 280 firme

09 gennaio 2013 – C’è soddisfazione tra le fila del Movimento 5 Stelle di Arese per come è andata nella nostra zona la raccolta di firme necessarie alla presentazione delle liste per le prossime elezioni. “Chiudiamo – commentano dal M5S – con un risultato positivo, visto che presso l’Ufficio Elettorale di Arese e i banchetti di Bollate e di Rho sono state raccolte 280 firme. Un ottimo risultato, soprattutto in considerazione del poco tempo a disposizione e del particolare periodo festivo. Ci sentiamo quindi in dovere di rivolgere un sentito ringraziamento ai numerosi concittadini che hanno voluto dedicarci un po’ del loro tempo per permettere al Movimento 5 Stelle di partecipare alle prossime competizioni elettorali, regionale e nazionale, del prossimo 24 febbraio”.

Non manca comunque la critica, anche aspra, per la procedura di presentazione delle liste e per alcune operazioni dell’ultima ora che hanno, di fatto, agevolato chi già disponeva di una rappresentanza: E’ sempre più evidente – dicono dal Movimento 5 Stelle – che la legge non è uguale per tutti e la disparità di doveri per la raccolta firme ne è la dimostrazione. Il giorno del suo scioglimento, il 26 ottobre e in deroga a una norma di 44 anni, la giunta Regionale della Lombardia ha introdotto un comma della nuova legge elettorale lombarda che esonera dalla sottoscrizione degli elettori le liste espressione di forze politiche corrispondenti ai gruppi presenti nel Consiglio. Di fatto una scorciatoia per pochi privilegiati. Come possono rappresentare con serietà i cittadini, coloro che sfruttano questi favoritismi? Per la cronaca, i consiglieri sollevati dalla raccolta firme gravano pesantemente sui cittadini: ogni gruppo che nasce si porta dietro un gruzzoletto che può arrivare a 100 mila euro; ogni neocapogruppo riceverà un’indennità aggiuntiva fino a 1.300 euro al mese e una dote di 70 mila euro per le spese di funzionamento da qui alla nuova legislatura”.

La battaglia di sposta ora fuori dai confini italiani e, anche in questo caso, il M5S chiede l’aiuto dei cittadini: “Al contrario delle regioni coinvolte e dell’Italia, la circoscrizione estero ha ancora dei problemi a raccogliere le firme, in particolare nella zona Nord America dove è necessario portare la gente a firmare entro il prossimo 11 gennaio: una vera corsa contro il tempo. Invitiamo gli aresini che avessero parenti o amici in quelle zone a contattarli e a fare appelli oltreoceano”.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.