Home Politica

M5S: “Rendicontare contributi a associazioni”

10 luglio 2013 – Il Movimento 5 Stelle torna su un argomento che ormai tiene d’occhio da molto tempo, quello dei finanziamenti che il Comune riconosce alle associazioni iscritte all’albo comunale. “In controtendenza con quanto avveniva in passato – dicono dal M5S – e giusto pochi giorni dopo il nostro post su questo argomento (clicca qui) l’Albo dei Beneficiari delle provvidenze di natura economica è stato pubblicato sul sito del Comune”. Il Movimento 5 Stelle non si è però limitato a una presa d’atto ma ha elaborato i dati forniti dall’amministrazione: “Abbiamo provveduto – dicono i Grillini – alla riclassificazione (clicca qui) e nella tabella da noi ricostruita mettiamo a confronto le erogazioni ricevute dalle singole associazioni e persone fisiche/giuridiche nel corso degli anni a partire dal 2006″.

E questa è l’analisi che il Movimento 5 Stelle offre riguardo alla tabella: “Il milione e cinquantamila euro del 2011 si è abbassato a 750.000 euro nel 2012, principalmente per effetto dell’azzeramento dei contributi a Facs, mentre come beneficiari restano in pole position la scuola materna di via Roma Sacra Famiglia e le associazioni Gruppo Anziani, Aresenoi e Vox Aurea. Svaniscono invece nel nulla, in quanto ad erogazioni ottenute, una serie di associazioni che ci risultano ancora parte attiva nel ricco tessuto associazionistico cittadino”. All’analisi il M5S fa poi seguire anche una proposta, che si inserisce in un contesto di trasparenza amministrativa: “Come abbiamo già scritto, trattandosi di denari pubblici riteniamo corretto che le elargizioni alle persone giuridiche, nel caso superino l’importo di 5.000 euro, vengano rendicontate da parte del beneficiario e ci auguriamo che l’attuale governo cittadino accolga questa proposta. Inoltre, sempre poiché si tratta di denari pubblici e quindi di tutti i cittadini, sarebbe interessante capire altri dettagli, relativamente alle persone giuridiche classificate alla voce assistenza e sicurezza sociale che ammontano a 90.397 nel 2012 e che in passato oscillavano intorno ai 500.000 euro annui”.

La prima azione concreta del Movimento 5 Stelle sarà quindi quella di chiedere ufficialmente conto delle motivazioni che hanno portato all’elargizione di denaro: “Il nostro portavoce – annunciano infatti dal M5S – chiederà tramite l’accesso agli atti il dettaglio delle persone giuridiche, l’evidenza degli accordi presi, le motivazioni delle richieste e le relative autorizzazioni”.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese