Home Politica

M5S: question time durante consigli comunali

14 ottobre 2015 – Il nuovo consigliere del Movimento 5 Stelle, Loris Balsamo, ha protocollato una mozione che, qualora approvata, introdurrebbe il “question time” all’interno dei consigli comunali. In sostanza il M5S chiede che venga data ai cittadini la possibilità di intervenire direttamente ai consigli comunali, usufruendo di uno spazio di confronto con l’amministrazione sui problemi della vita della città e consentendo contestualmente agli aresini di portare le loro istanze in sede istituzionale. “Tra gli obiettivi prioritari della pubblica amministrazione – premette Balsamo – vi è il miglioramento del rapporto tra cittadini e amministrazione comunale e quello di promuovere la partecipazione dei singoli cittadini, delle associazioni e delle forze sociali ed economiche all’attività amministrativa. Tra l’altro questa volontà era espressa anche nel programma del sindaco, dove si dichiarava che è necessario promuovere la cultura della cittadinanza attiva come forma di partecipazione alla vita pubblica“.

Quello che chiede il Movimento 5 Stelle con la sua mozione è che l’amministrazione si impegni a studiare e introdurre all’interno del regolamento per il funzionamento del consiglio comunale l’istituto di partecipazione del Question Time, come forma di interazione tra la cittadinanza e l’amministrazione rappresentata dal sindaco in carica. Il regolamento del question time dovrà prevedere le modalità, la periodicità, i tempi delle domande dirette dei cittadini e delle risposte dell’amministrazione, e la possibilità di raccogliere anticipatamente le domande all’interno di un’urna davanti alla sede del Municipio o all’interno dell’Ufficio delle Relazioni col Pubblico. “Una possibile proposta di regolamento – conclude Balsamo – potrebbe poi prevedere che al momento di porre la domanda, il cittadino potrà sia leggerla sia darle una propria interpretazione, purché il senso rimanga immutato e non si superino i tre minuti nell’esposizione iniziale”.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese