Home Politica

Maggioranza: “Su Adp chiediamo risposte più complete”

26 novembre 2018 – Nel consiglio comunale di domani sera, martedì 27 novembre, sarà presentato un ordine del giorno firmato dai capigruppo di maggioranza, ovvero Chiara Varri, del PD, Barbara Scifo, del Forum e  Antonio Castelli, di Arese Rinasce, con il quale si sollecita in particolare Regione Lombardia a fornire risposte “più complete” in merito agli sviluppi riguardanti l’Atto Integrativo dell’Accordo di Programma dell’area ex Alfa Romeo. La mozione attuale si riallaccia con una analoga portata al voto lo scorso anno, e intende ribadire quali sono le aspettative dei tre partiti nei confronti delle proposte di Regione.

“A distanza di pochi giorni dai termini delineati da Regione Lombardia – premettono i tre capigruppo – per pubblicare le varianti urbanistiche, fissati per la fine di novembre, e ad un anno dalla mozione presentata in consiglio comunale, in cui affermavamo con estrema chiarezza le condizioni imprescindibili ai fini della valutazione di qualunque ipotesi di accordo, da Regione Lombardia sono arrivati dati e proposte parziali e ancora provvisorie che ‘non consentono una corretta valutazione del quadro complessivo’ dello sviluppo dell’area e le sue conseguenze sulla nostra città”.

I tre partiti di maggioranza definiscono la situazione “preoccupante” e ribadiscono la loro disponibilità a far procedere l’iter per l’approvazione dell’AdP, solo se da Regione giungeranno “proposte concrete e adeguate sui punti che, da sempre, sono per noi irrinunciabili”. Che sono, specificano i partiti di maggioranza, “la garanzia di un trasporto pubblico efficiente e sostenibile per il territorio, occasioni di sviluppo occupazionale di qualità per i nostri concittadini, infrastrutture viabilistiche adeguate oltre la realizzazione preventiva di quelle già programmate (come il ribaltamento del casello di Lainate) e mitigazioni degli impatti ambientali”.

Come già lo scorso anno, quando una mozione simile era stata portata al voto, anche per questa i tre capigruppo chiedono il sostegno delle minoranze: “Saremo al fianco del sindaco e dell’amministrazione – concludono i tre capigruppo – nel valutare una proposta di alto profilo che possa conciliare la tutela e gli interessi della nostra città con le nuove opportunità di sviluppo, con l’auspicio che anche le forze politiche d’opposizione, condividendo le richieste da noi presentate, possano votare a favore dell’ordine del giorno da noi proposto”.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese