Home Politica

Palestra sul traffico. Opposizione… sull’Aventino

19 aprile 2016 – Nel consiglio comunale di ieri sera la viabilità e i disagi che hanno subito gli aresini in questi primi giorni di apertura del centro commerciale non erano all’ordine del giorno, ma naturalmente non è stato possibile ignorare l’argomento, che è stato affrontato nelle comunicazioni del sindaco. “Quanto è accaduto negli ultimi quattro giorni – ha dichiarato Michela Palestra – lo abbiamo verificato, oltre che sulle strade, anche dai dati relativi ai flussi. Che sono stati stimati in 80 mila visitatori nelle giornate di giovedì e venerdì, 100 mila il sabato e 110 mila la domenica. Saranno dati da monitorare e confermare nei prossimi fine settimana, quando dovrebbe essersi esaurito l’effetto novità”.

In ogni caso i Comuni che gravitano intorno al centro hanno già attivato un tavolo sovracomunale, che si è riunito nel pomeriggio di ieri per fare il punto della situazione e per definire una serie di azioni da intraprendere. E una delle priorità emerse durante l’incontro è quella di migliorare il sistema parcheggi, che nell’analisi dei sindaci sembrerebbe essersi dimostrato il punto critico che ha poi fatto precipitare la situazione nei momenti di maggiore afflusso di auto: “Abbiamo convenuto – spiega Palestra – che c’è la necessità di mettere a sistema una serie di interventi per migliorare l’accesso ai parcheggi, in quanto questo si è dimostrato il punto debole del sistema. Una delle prime azioni a breve termine che sarà intrapresa, a carico di Tea, per migliorare l’accesso è quella di mettere in comunicazione diretta i parcheggi nell’area del centro commerciale con quello adiacente usato per Expo. L’obiettivo è quello di non fare uscire dall’area del centro commerciale le auto alla ricerca di un posto libero, perché proprio questi flussi sono stati una delle concause che hanno portato alla situazione che si è venuta a creare”.

Un’altra azione che sarà intrapresa da subito riguarda il miglioramento del sistema di cartellonistica stradale: “E’ necessario – ha proseguito il sindaco – migliorare il sistema di indicazione dei parcheggi, perché alcune arterie stradali, anche in grado di sopportare flussi di traffico importanti, non sono state scelte dagli automobilisti perché prive di indicazioni che puntassero ai parcheggi del centro commerciale. Pensiamo anche di installare dei segnali luminosi che indichino l’effettiva disponibilità di parcheggi liberi nelle singole aree, e indicheremo in maniera più efficace i canali di accesso alle aree di sosta, compresa quella ex Expo, in maniera tale che chi sta cercando un parcheggio libero non gravi sulla viabilità ordinaria”.

Nel corso dell’incontro tra i Comuni, oltre agli interventi che il sindaco ha definito “immediati”, ne sono stati discussi anche alcuni più strutturali e a medio termine. E cioè il ribaltamento del casello di Lainate e la variante Varesina: “Questi interventi viabilistici – ha detto Palestra – sono già previsti all’interno dell’Accordo di Programma”. Per quanto riguarda la variante Varesina, Bollate pare avere messo in atto tutte le azioni necessarie affinché il progetto possa passare alla fase operativa. In questo momento è comunque necessario capire cosa succederà nelle prossime settimane. Noi continueremo a monitorare la situazione in stratta collaborazione con le Polizie Locali degli altri Comuni, con i Carabinieri e con la Polizia Stradale. Mercoledì è inoltre previsto un incontro in Prefettura, nel corso del quale verrà fatto il punto della situazione e saranno concordati gli interventi da mettere in atto nel caso accadesse nuovamente quanto successo in questi giorni”.

Esaurito il capitolo riguardante le azioni che saranno intraprese, il sindaco ha poi affrontato altri tre punti caldi: la situazione di Valera, la possibile apertura di Ikea e il ruolo della nostra Polizia Locale: “E’ indubbio – ha detto Palestra – che per Arese il punto critico è stata la frazione di Valera, dove si è riversato un carico di auto anomalo e non tollerabile. Siamo consapevoli che questa situazione non si dovrà ripetere in futuro ma per le azioni da intraprendere sarà comunque necessario procedere in collaborazione con gli altri Enti. Riguarda alla possibile apertura di Ikea, credo sia corretto farne un chiaro cenno in questa sede. E’ inutile negare che sono in corso contatti tra i due soggetti privati (Ikea e Tea, ndr), che però in questa fase preliminare non vedono ovviamente ancora coinvolto il settore pubblico. La ferma posizione dei Comuni in merito a questa trattativa è però quella che dice che un qualsivoglia nuovo insediamento nell’area dovrà essere supportato da una viabilità in grado di sopportarlo. La posizione dei Comuni su questo punto è fermissima”.

Il sindaco ha infine affrontato il tema del lavoro svolto dalla Polizia Locale di Arese, che per alcuni cittadini, in particolare a Valera, avrebbe dovuto essere più presente, elevando anche sanzioni: “La nostra Polizia Locale – ha concluso Palestra – conta su 11 effettivi, comandante compreso, che in questi giorni erano presenti sul campo con il preciso ordine, anche a livello superiore di quello locale, di presidiare le zone calde. A Valera non sono state elevate contravvenzione perché tutti i nostri agenti erano impegnati con la Polstrada e i Carabinieri al presidio delle arterie principali maggiormente interessate al transito. Senza dimenticare che alcuni di loro domenica sono necessariamente stati dispiegati anche nei seggi dove si è votato per il referendum”.

Questo quanto dichiarato dal sindaco. Un colpo di scena c’è però stato immediatamente dopo, quando la parola è andata ai consiglieri comunali di minoranza. Che hanno rinunciato a intervenire nel merito delle dichiarazioni di Palestra, decidendo di usare lo spazio a loro disposizione per leggere un documento congiunto (leggi qui). Nel quale hanno ribadito le loro accuse di scarsa considerazione da parte della maggioranza sui temi principali che riguardano la città, e al termine della lettura hanno abbandonato in segno di protesta il consiglio comunale per non farvi più rientro.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese