Home Politica

Passaparola: nuove critiche dopo intervista

02 febbraio 2015 – E’ un’intervista rilasciata dal vicesindaco Enrico Ioli a un settimanale locale a offrire a Passaparola lo spunto per nuove critiche alle modalità e alle tempistiche di esecuzione dei lavori per la nuova viabilità cittadina, che a breve prenderanno il via nella nostra città. “Abbiamo letto con stupore – fanno notare dal comitato – l’intervista resa dall’assessore Ioli a un settimanale locale, con la quale questa amministrazione ha confermato che i lavori per la viabilità di attraversamento sulle nostre strade si faranno in concomitanza con l’evento mondiale Expo. Verrebbe da chiedere se l’assessore intende aprire i cantieri anche durante la chiusura del ponte per Passirana, tanto per complicare ulteriormente la vita a tutti coloro che non usano la bicicletta per vivere, studiare e lavorare”.

Il passaggio contestato è in particolare uno, ovvero quello dove il vicesindaco parla dei cantieri, che rimarranno aperti in concomitanza con Expo: “La visione del territorio da parte di questa amministrazione – sostiene Passaparola – è a dir poco incomprensibile: tutti noi cittadini spendiamo oltre 14 miliardi di euro per Expo; si annunciano 20 milioni di visitatori, ossia un terzo di tutta la popolazione italiana, che verranno ad Expo durante il semestre di apertura. Si sentono trasmissioni nazionali, dichiarazioni di Comuni fino alle province di Bergamo e Varese, parlare di opportunità Expo da saper cogliere. Il nostro Comune utilizza soldi delle nostre tasse per iniziative dal nome Terre di Expo, dove il nostro sindaco interviene a conferenze parlando di occasioni da saper cogliere; l’amministrazione comunale partecipa a bandi finanziati con i soldi pubblici regionali asserendo che così facendo cerca di valorizzare il nostro territorio proprio in vista di Expo. In questo quadro è inaccettabile apprendere dal vicesindaco che Arese coglierà l’occasione Expo presentandosi con i cantieri aperti sulle strade in quanto così, dice, ‘se a qualcuno venisse in mente di passare per la nostra città cambierebbe idea’ o che ‘i possibili visitatori troverebbero un cantiere in itinere’. Come è pensabile arrivare a sostenere cose simili? Francamente a questo punto ci domandiamo se questa amministrazione si rende davvero conto di quello che dichiara”.

La chiusura di Passaparola è una critica totale alle scelte attuate dalla maggioranza in tema di viabilità ed Expo: “Grazie all’inattività del sindaco – conclude il comitato – ci troviamo 11 mila parcheggi Expo sulle nostre teste, ci troviamo il ponte di Passirana abbattuto senza aver prima preteso e ottenuto l’ultimazione del nuovo. E ora dobbiamo leggere queste incredibili tesi che contrastano anche con l’elementare buon senso. Qualcuno faccia presente all’assessore che i visitatori di Expo non sono dei pendolari, non tornano ogni giorno per sei mesi e quindi non ‘imparano’ dall’errore di essere passati per sbaglio in una Arese amministrata da chi non si rende conto dei propri errori e che incredibilmente arriva a teorizzare come attrattiva per la valorizzazione del territorio una mostra di ‘cantieri in itinere’. Di fronte a questo noi rimaniamo a bocca aperta, e ci domandiamo cosa ne pensano i consiglieri comunali e tutti coloro che sostengono questa amministrazione”.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese