Home Politica

Passaparola: “In Provincia si tuteli Arese”

08 gennaio 2014 – Si terrà domani l’incontro sul tema della viabilità, richiesto dalla Provincia di Milano e annunciato nel consiglio comunale dello scorso 19 dicembre, tra i rappresentanti delle amministrazioni di Arese, Lainate e Rho e quelli della Provincia stessa (leggi qui). In vista di questo appuntamento, torna a farsi sentire il gruppo Passaparola che auspica che “il sindaco di Arese richieda con forza e determinazione la creazione di un tracciato esterno al centro abitato di Arese in grado di garantire realmente la sicurezza, la salute e l’incolumità della cittadinanza”. Passaparola nel suo comunicato si concentra su quella che potrebbe essere la nuova viabilità rhodense (non ancora completamente finanziata) che prevederebbe un nuovo collegamento tra le frazioni di Mazzo e Terrazzano che confluirebbe, dal lato di Arese, su via Gran Paradiso: “Indubbiamente e giustamente – dicono dal gruppo – l’interesse di Rho è quello di togliere il traffico di attraversamento da Mazzo e Terrazzano. Identico dovrebbe essere l’interesse di non convogliarlo su Arese in via Gran Paradiso da parte del sindaco del nostro Comune. Rho non è disponibile? Allora perché Arese dovrebbe essere disponibile ad accogliere il traffico deviato dalle frazioni di Rho su Via Gran Paradiso?”.

La richiesta all’amministrazione aresina è dunque quella di richiedere pregiudizialmente che il traffico venga spostato non solo al di fuori del Comune di Rho ma anche da quello di Arese: “Il nostro auspicio – dichiara Passaparola – è che il sindaco in quella sede, considerata anche la portata delle osservazioni presentate dal nostro comune al Pgt di Rho, dove si rimarcavano i pericoli per la sicurezza e la salute degli aresini dell’ingresso su Arese del traffico deviato dalle frazioni di Rho, richieda con forza al sindaco di Rho la piena disponibilità alla realizzazione di un percorso alternativo che sia in grado di deviare il traffico fuori da tutti i comuni interessati. Di certo non è pensabile che Arese accetti l’ingresso nel suo cuore del traffico deviato dal comune limitrofo in cambio di una pista ciclabile e di un posto sicuro dove mettere le biciclette a Rho/Fiera. La salute dei cittadini, visti anche i dati preoccupanti del PM10 ad Arese rilevati anche in queste ultime settimane e di cui hanno parlato anche telegiornali nazionali, la sicurezza dei nostri figli, il valore delle nostre case, il nostro benessere, la città giardino sono cose che valgono di più di una pista ciclabile o di un posto dove lasciare la bicicletta.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese