Home Politica

“Giunta dimentica… Arese al Centro ricorda”

23 marzo 2015 – Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di Arese in Centro, che puntualizza alcuni punti relativi al volantino distribuito nei giorni scorsi agli aresini dal partito di Giuseppe Bettinardi (nella foto). In particolare il tema trattato è quello del Centro Sportivo Davide Ancilotto.

E’ interessante scoprire che il volantino dal titolo “La giunta dimentica… Arese al Centro ricorda”, distribuito in questi giorni alle famiglie aresine da parte di Arese al Centro, susciti una risposta come quella del presidente di Sg Sport. Ci meraviglia alquanto, dopo le note polemiche provocate dai numerosi disservizi sullo stato degli impianti allo stesso consegnati, tanto da provocare una sua richiesta di risarcimento danni. Ora lo stesso, esercita una difesa a spada tratta dell’operato dell’amministrazione comunale. Noi desideriamo con la nostra comunicazione esclusivamente fare chiarezza su alcuni adempimenti e “dimenticanze” della nostra giunta aresina, su fatti accaduti e in corso di definizione, nell’interesse esclusivo dei cittadini e anche nostro.

Prendiamo comunque atto con soddisfazione, di quanto elencato da Sg Sport circa i numerosi sport e nuove attività inserite nel Centro Sportivo Davide Ancilotto, nei quasi due anni di nuova gestione, soddisfazione che ribadiamo ed esprimiamo anche in premessa della nostra comunicazione, ma abbiamo posto precise considerazioni circa l’attuazione completa di tutti gli impegni convenzionali assunti da Sg Sport verso l’amministrazione comunale. Ci sono a nostro avviso alcune inadempienze convenzionali, che vengono taciute dalla giunta per le quali abbiamo più volte presentato interrogazioni in sede di consiglio comunale al sindaco, senza ricevere risposte esaustive. Ad esempio, nella manifestazione d’interesse presentata dal nuovo gestore, parte integrante della convenzione, lo stesso si era impegnato nel rispetto dell’art. 11 del capitolato speciale comma “d” a garantire il pieno utilizzo dell’impianto del calcio a 11 e relativi campi d’allenamento. Specificando inoltre che già dalla stagione 2013-2014, di essere in grado di proporre le seguenti squadre agonistiche: Scuola calcio nati dal 2006 al 2008; Pulcini 2003 al 2005; Esordienti dal 2001 al 2002; Giovanissimi dal 1999 al 2000; Allievi dal 1997 al 1998; Under 21. Tutto ciò non sembra ottemperato se non come confermato nell’intervista la sola Scuola calcio Milan.

Tale inefficienza era stata denunciata dallo stesso presidente di Sg Sport per l’impraticabilità dei campi di calcio a 11 che rendevano impossibile tale attività, dopo continue smentite da parte dell’amministrazione comunale che dichiarava il perfetto stato di conservazione e pertanto l’agibilità dei campi. La giunta dopo varie pressioni da parte delle minoranze, grazie a un “benefattore” provvedeva al rifacimento dei campi con l’inserimento dell’impianto di irrigazione. Bene tra smentite e celate verità a oggi l’attività agonistica per i ragazzi non si svolge, come mai ci chiediamo?

Inoltre i cittadini devono sapere che l’avvocato Roncoroni, consulente del gestore, con lettera del 4 giugno 2014, protocollata in Comune il 24 giugno col numero 00123606, denunciava all’amministrazione: “(omissis) all’interno del contratto di gestione, era espressamente previsto che i campetti di calcio a cinque e di beach volley fossero consegnati ristrutturati e funzionanti, situazione non corrispondente allo stato di fatto degli stessi. Evidenzio altresì che, come già denunciato e più volte dalla mia assistita, le Vostre gravi inadempienze contrattuali hanno causato, e stanno tutt’ora causando, ingenti danni economici alla mia cliente, in quanto non le è possibile usufruire delle attività connesse agli impianti di calcio a cinque e beach volley, mancando pertanto di percepirne i relativi fatturati. Vi preciso ulteriormente che il fatturato annuo previsto per l’utilizzo delle predette strutture si attesta intorno ad euro 150.000 circa. (Omissis) pertanto, Vi invito e diffido al puntuale adempimento di tutte le obbligazioni così come specificato nel contratto di gestione, a sospendere ogni e qualsiasi richiesta economica in relazione al pagamento di canoni e utenze e di corrispondere alla mia Assistita la predetta somma (omissis)”.

Una domanda in merito a questo l’abbiamo posta all’amministrazione e non alla Sg Sport e del fatto, abbiamo ritenuto darne precisa informazione ai cittadini. Inoltre sullo stesso volantino scriviamo al riguardo anche dell’attività ludica del “centro bocce” dove il gestore si era impegnato ad esempio all’utilizzo libero a tutta la cittadinanza come mezzo di aggregazione. Questo non ci risulta attuato, tanto da aver richiesto all’amministrazione comunale di essere autorizzato a una manifestazione d’interesse per “subappaltare” tale attività, esercizio tra l’altro non previsto dal capitolato e dalla convenzione.

Questo in definitiva abbiamo evidenziato all’amministrazione comunale, chiedendo cosa ha fatto per esercitare il diritto-dovere di controllo della corretta attuazione degli impegni convenzionali. Questo in sintesi ci interessa e interessa ai cittadini, i quali al pari nostro, sono contenti che l’attività del Centro Sportivo Comunale Davide Ancilotto sia ripresa con successo. Tuttavia, ricordiamo che i rapporti con il gestore del centro sportivo li deve tenere e curare la giunta, quale organo responsabile di eventuali inadempienze. Ribadiamo il nostro plauso alle nuove attività inserite nel centro, ma confermiamo la necessità di fare chiarezza su quanto sopra esposto, in particolare quando vengono coinvolti gli interessi pubblici e non solo le dinamiche politiche.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese