Home Politica

“La Regione ha mostrato indifferenza”

19 febbraio 2015 – Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di Vittorio Turconi, ex candidato sindaco della Lega Nord alle ultime elezioni amministrative. Che, come ci ha abituati, non usa il fioretto nel prendere posizione sulla vicenda del ponte di Passirana.

Ringrazio QuiArese sin da ora nel caso riuscisse a pubblicare questo mio intervento. Sono Vittorio Turconi, ex consigliere comunale della Lega Nord, della quale sono tuttora militante. E con questo mio intervento volevo commentare l’articolo riguardante l’abbattimento del Ponte di Passirana. Mi dispiace dirlo, ma quanto sostiene Passaparola rappresenta una totale mancanza di informazione. Io personalmente come Lega Nord ho richiesto un intervento di Regione Lombardia e posso assicurare non per tramite di semplici uscieri, ma di interlocutori di elevato calibro all’interno della struttura Regionale. Risposta: “Sai nessuno in Regione vuole andare contro un certo consigliere della vostra zona. Sai quel consigliere in zona ha preso tanti voti quindi non si vuole andare contro di lui”. Forse in Passaparola sanno chi è questo consigliere, o forse hanno già iniziato la campagna elettorale.

Mi dispiace che Passaparola si faccia trascinare in queste situazioni, un comitato che va apprezzato per le iniziative sul territorio ma che purtroppo si fa cavalcare politicamente. Posso assicurare tutti gli aresini che come Lega Nord locale siamo disgustati da questo atteggiamento che ha assunto Regione Lombardia guidata da Lega Nord e Pdl, assenti sotto ogni punto di vista su questo annoso problema. Come ex candidato sindaco in rappresentanza di Lega Nord, ho avanzato nei tempi e nei modi dovuti richieste di intervento sia tecnico che politico a Regione Lombardia. Assenza totale ma non silenzio, perché sono state date chiare indicazioni “di non andare contro alcuni personaggi”. Personaggi che nelle sedi istituzionali regionali appartengono alla maggioranza di governo regionale, quel governo che ha deciso cosa fare del nostro territorio e che questi individui hanno anche votato e ne fanno parte.

Avrei voluto sentirmi dare da Regione delle giustificazioni a tutto ciò, magari anche contestando le giunte locali qualora vi fossero state le motivazioni. Ma non avrei di certo voluto vedere l’indifferenza, il nascondersi di fronte alle proprie responsabilità. Di certo come Lega andremo sino in fondo, consegneremo alla stampa nomi e cognomi dei responsabili di questi atteggiamenti che come Lega e anche personalmente ci vergogniamo di rappresentare localmente. Quando si decide, bisogna imparare a metterci la faccia e non lasciare il territorio in balia delle singole interpretazioni. Ho già avuto alcuni problemi per la pubblicazione di e-mail non autorizzate, richiederò quindi l’autorizzazione a poter pubblicare le corrispondenze intercorse con i funzionari di Regione Lombardia, perché è giusto che la gente sappia la verità e, come sostiene qualcuno, al momento opportuno sappia chi scegliere come propri rappresentanti. Non solo gente che siede in consiglio regionale ma persone che lavorano seriamente a tutela del territorio e dei suoi abitanti.

Vittorio Turconi

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese