Home Politica

“Maggioranza irrispettosa e poco incline al dibattito”

19 maggio 2016 – Si arricchisce di un capitolo la polemica tra maggioranza e opposizione, con la replica delle minoranze al documento letto in consiglio comunale dal presidente dell’assemblea, Veronica Cerea (leggi qui). Documento con il quale la stessa Cerea e il sindaco, Michela Palestra, rispondevano alle accuse mosse in aula dalle minoranze alla giunta, poco prima che le opposizioni abbandonassero, per rafforzare la protesta, il consiglio comunale dello scorso 18 aprile (leggi qui). In questa ultima presa di posizione le  opposizioni, nel criticare il metodo con il quale è stata fornita la risposta, rispondono punto per punto ai rilievi di sindaco e presidente del consiglio. Di seguito il testo integrale del comunicato diffuso in mattinata da Arese al Centro, Arese in Testa, Forza Italia e Movimento 5 Stelle.

Gentile Sindaco Ing. Michela Palestra,
a nostro avviso la risposta data ai Consiglieri di minoranza, letta e firmata dalla Presidente del Consiglio durante l’adunanza del 28 aprile 2016, in relazione al documento presentato in data 18 aprile 2016, appare non cogliere l’essenza delle domande che sono state poste a Lei Sindaco e agli Assessori in essa richiamati.

Si rileva preliminarmente, che le attribuzioni funzionali del Presidente del Consiglio, che dovrebbe essere una figura di terzietà rispetto alle forze politiche presenti in Consiglio Comunale, non ha il compito di sostituirsi “Politicamente” al Sindaco o agli Assessori. Vedi l’art. 20 dello Statuto Comunale ed in particolare al paragrafo 2 oltre a quanto risulta dal Capo II del Regolamento del Consiglio Comunale. Fa specie, quindi, che proprio voi quale Maggioranza che avete “rivendicato” per anni alle minoranze la nomina del Presidente del Consiglio, oggi avete invece scelto di fare l’esatto contrario, anzi andando addirittura oltre. Forse quel “cambio di verso” da voi tanto auspicato in campagna elettorale, oggi, come tante altre promesse, non è di fatto poi avvenuto.

Vista la vostra zelante attenzione al rispetto delle istituzioni e della prassi amministrativa, siamo a chiedere spiegazioni del perché:
– non sia stato messo il vostro documento a disposizione dei Consiglieri Comunali unitamente ai punti da trattare nella seduta programmata;
– per quale motivo il documento sia stato trasmesso solo dopo l’esplicita richiesta dei Consiglieri di minoranza;
– per quale motivo il documento risulta protocollato il giorno successivo alla lettura in Consiglio;
– per quale motivo viene firmato anche dal Presidente del Consiglio;
– per quale motivo non sono state date le risposte in aula ai nostri quesiti per competenza, dagli Assessori chiamati in causa, in modo da permettere un coinvolgimento delle opposizioni e un dibattito democratico sulle questioni da noi sollevate. E’ emblematico come con la lettura in Consiglio, nello stesso voi affermate “Ribadiamo che ci siamo sempre adoperati, per quanto di rispettiva competenza, per assicurare il coinvolgimento delle forze di opposizione, coinvolgimento che però presuppone una corretta informazione e reale volontà di ascolto e dialogo” ma di fatto, non dando possibilità di replica alle opposizioni in aula, tale coinvolgimento voi lo negate!

Tale vostra fittizia disponibilità è dimostrata anche dalla “scivolata” di stile, per quanto accaduto durante la lettura della vostra risposta al nostro documento da parte del Presidente del Consiglio, caratterizzata da comportamenti irrispettosi da parte di alcuni Assessori nei confronti dei consiglieri di minoranza, ammiccamenti e risolini assolutamente non conformi allo spirito collaborativo che voi dite di rivendicare. Atteggiamento proseguito nei giorni successivi sugli organi di stampa da parte di alcuni membri della Giunta che si sono adoperati a giudicare e a dettare l’agenda politica delle opposizioni.

E’ ora di finirla poi di dare sempre colpa alle precedenti amministrazioni per giustificare le vostre posizioni, mancanze ed errori. Dopo tre anni di vostra Amministrazione Comunale è giunto il momento che vi prendiate le vostre responsabilità, in particolare nell’aver osteggiato una viabilità che poteva essere condivisa tra tutte le forze politiche ed i cittadini. Singolare poi è ricordare che siete le stesse forze politiche contrarie alla realizzazione del centro commerciale ma avete con celerità cambiato opinione, vi siete presentati in grande stile alla sua inaugurazione che oggi paga la gran parte delle sue criticità sul territorio, proprio grazie alle vostre posizioni sulla viabilità e sui trasporti. Precise responsabilità di questa maggioranza volutamente dimenticate, ma ancora lontane da una soluzione. A tal proposito, avete fatto bene, ad evitare il dibattito in Consiglio Comunale sul disastro che avete provocato nella frazione di Valera, sulla evidente impreparazione e sulla lentezza con cui avete provveduto ad arginarlo.

Ma veniamo ai fatti ed alle nostre considerazioni alle risposte date:
Punto 1 – Bene sapere e avere finalmente conferma, dei contatti in essere tra Finiper e Ikea, trattativa da voi negata, ma nota da tempo ad altre Amministrazioni coinvolte nella vicenda. Riteniamo che una attenta Amministrazione, non debba attendere la definizione degli accordi tra privati per iniziare ad analizzare l’impatto sul territorio di un tale insediamento e conseguentemente gestire lo sviluppo del progetto che avrà inevitabilmente grosse implicazioni Politico-Amministrative sia in ordine alla destinazione d’uso dell’area individuata e in particolare all’eventuale intervento per una revisione-aggiornamento della viabilità territoriale. Inoltre è indispensabile comprendere cosa ne pensa la Maggioranza.

Punto 2 – Prendiamo atto che l’Amministrazione non “sapeva” nulla dell’annuncio del Presidente Maroni circa la Piscina Olimpionica ma riteniamo troppo importante la necessità di presidiare nelle sedi opportune, ricevere tutte le informazioni necessarie e chiedere di partecipare attivamente ai tavoli decisionali. Nonostante tutto ciò ci sembra quasi impossibile che l’Assessore alla partita non sapesse nulla, riconoscendo il suo impegno sul territorio.

Punto 3 – La Sua risposta non coglie l’essenza della nostra richiesta-critica, al silenzio dell’Assessore sul tema della linea di trasporti pubblici 561. Noi confermiamo che su nostra esplicita richiesta fu l’Assessore che si impegnò a relazionare sul primo anno di funzionamento del servizio. Informazione che ancora oggi non abbiamo, continuate pure a monitorare la situazione, ma noi aspettiamo ancora quanto promesso.

Punto 4 – Vale quanto concettualmente scritto al punto 3, non mettiamo in dubbio che lei gentile Sindaco abbia presentato i progetti con l’Assessore competente nel corso del Consiglio Comunale del 18 aprile ma forse non si ricorda che il suo Assessore, a dicembre aveva promesso entro gennaio 2016 una riunione con i consiglieri per illustrare i famosi progetti approvati in fretta e furia per l’apertura data dal patto di stabilità. E’ inutile parlare dopo la pubblicazione dei bandi, continuare a considerare i Consiglieri in particolare modo quelli di minoranza come elementi di disturbo se chiedono chiarimenti e portano il proprio contributo. Nessuno vi toglierà la paternità delle decisioni ma rappresentiamo una fetta di cittadinanza e questo spesso viene dimenticato.

Punto 5 – Riteniamo opportuno conoscere se gli impegni previsti in convenzione per la gestione del centro sportivo Davide Ancilotto sono stati rispettati, in quanto alcuna relazione è stata presentata dall’assessore competente circa le doglianze dovute all’impossibilità del gestore ad avviare nel primo anno i servizi offerti per il settore calcio.

Punto 6 – Non entriamo nel merito dei costi di gestione della nuova Biblioteca, questo lo faremo non appena avremo un bilancio preventivo allo scopo, noi chiediamo di conoscere perché i costi preventivati per la realizzazione del progetto sono lievitati in modo considerevole, si voleva meglio capire quali scelte strategiche hanno condizionato e determinato un investimento così elevato e se sussiste l’effettivo bisogno di una simile struttura per la città. Ricordandovi oltretutto che in sede di Capigruppo, oltre un anno fa, i consiglieri di opposizione hanno più volte manifestato la necessità di avere contezza sull’investimento e i conseguenti aggiornamenti sul progetto della biblioteca .

Punto 7 – La risposta data è la classica “scivolata populista”: non ci interessa l’enfatizzazione del risultato della trattativa con Bollate per la sistemazione dei confini, ma conoscerne i termini dell’accordo, i cittadini chiedono troppo? Il rimando a quanto accaduto in passato è fuori luogo e non aiuta a comprendere, se non si analizza cosa avete proposto e quali siano le dinamiche in atto. Anche in questo caso, tale Vostro atteggiamento, comunque, non sembra proprio collaborativo verso le opposizioni ed irrispettoso verso i cittadini.

In conclusione ribadiamo che ben consci del ruolo delle minoranze, siamo a chiedere con forza che si passi dalle parole ai fatti in merito al coinvolgimento ed alle informazioni dovute e sulle scelte progettuali della maggioranza. Il dialogo non è stato da noi interrotto, ma al contrario, è stato interrotto dalla maggioranza, prova ne è che con il suo atteggiamento omertoso, irrispettoso e poco incline al dibattito in aula, ha di fatto ricompattato le opposizioni, mettendo insieme alcune forze politiche che mai in campagna elettorale avrebbero pensato di farlo.

L’abbandono dei lavori del Consiglio Comunale è stato un segno di protesta chiaro, quale atto dovuto ai cittadini che ci chiedono una reazione forte contro le criticità da lei Sindaco irrisolte. Questa è una prerogativa dell’opposizione ed è un nostro dovere. Noi siamo sempre stati pronti a dare il nostro contributo, senza alcun preconcetto, per il bene di Arese, ma dovete accettare il dibattito democratico, smettetela con l’uso strumentale della propaganda evitando o sviando le risposte alle nostre richieste, questo è il modo perché un nostro coinvolgimento si concretizzi e non rimanga una “chimera”.

Arese al Centro – Giuseppe Bettinardi e Carlo Giudici
Arese in Testa – Luigi Muratori
Forza Italia – Andrea Miragoli
Movimento 5 Stelle – Loris Balsamo

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese