Home Politica

Sarto lascia Aresefuturo. E forse non è il solo…

30 giugno 2012 – Nel corso della conferenza stampa di ieri sera (leggi qui), Andrea Costantino ha detto di avere ricevuto una mail con cui Franco Sarto annunciava le sue dimissioni da Aresefuturo. Sarto è uno degli aderenti della prima ora all’associazione, privo di incarichi ufficiali, ma particolarmente coinvolto durante la scorsa campagna elettorale. Si tratterebbe quindi di una defezione importante e che, secondo quanto ci risulta, potrebbe non essere nemmeno l’unica. Abbiamo quindi raggiunto telefonicamente Sarto per avere conferma di questa notizia. Durante la chiacchierata, che non possiamo proporvi sotto forma di intervista in quanto Sarto ci ha negato l’autorizzazione alla pubblicazione, ci è stata confermata la sua intenzione di lasciare l’associazione. La lettera di dimissioni vera e propria, una raccomandata, dovrebbe in realtà partire lunedì prossimo, ma la volontà di uscire di scena esiste e Sarto l’ha ribadita più volte. Le motivazioni sono, secondo quanto ci ha riferito, assolutamente personali e non politiche, avendo raggiunto con l’elezione di Ravelli il suo scopo. Ora Sarto intende riposarsi dopo le fatiche pre-elettorali per valutare che cosa fare a settembre.

Commenti, invece, non ne ha voluti fare rispetto alla vicenda che ha visto Giancarlo Giudici passare informazioni ad Aresefuturo prima delle elezioni. Sarto era stato indicato da diverse parti come il principale referente di Giudici, ma a nostra precisa domanda ci è stato opposto un secco “no comment” motivato con la volontà di non essere coinvolto in pettegolezzi di nessun genere.

A proposito di Aresefuturo, secondo Sarto diverse altre persone  avrebbero già rassegnato le dimissioni e altre ancora si appresterebbero a farlo. Se tutto ciò fosse confermato, potrebbe realizzarsi quel disegno che secondo alcuni vedrebbe come conclusione la creazione di una nuova organizzazione, di un nuovo gruppo consiliare in consiglio comunale e il conseguente appoggio a Ravelli e alla sua giunta da parte non più di Aresefuturo, di cui Andrea Costantino è presidente, ma da parte degli appartenenti a questa nuova entità politica.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese