Home Politica

Stazioni Trenord Rho: “Si equiparino tariffe”

27 giugno 2014 – Una notizia che potrebbe far felici alcuni dei pendolari che prendono il treno dalle stazioni di Rho. Ieri in Regione è stata presentata una mozione che chiede l’equiparazione delle tariffe ferroviarie applicate nelle due stazioni, rivedendo al ribasso quella più alta. Primo firmatario del documento è il consigliere regionale Marco Tizzoni, che così spiega l’iniziativa: “Sul territorio comunale – dice Tizzoni – sono presenti due stazioni ferroviarie dei treni regionali Trenord: Rho e Rho Fiera. Seppure le due stazioni siano distanti solo quattro chilometri l’una dall’altro, le tariffe in vigore sono diverse. Il costo che grava sugli utenti che usufruiscono del servizio ferroviario per Milano dalla stazione di Rho è di 2,40 euro a corsa, mentre per l’abbonamento annuale è di 427,50 euro, contro 2,10 euro a corsa e 372,50 euro per l’abbonamento annuale dalla stazione di Rho Fiera”.

Differenze che, in particolare per quanto riguarda gli abbonamenti, sarebbero troppo penalizzanti per chi scegli di usare i mezzi e non l’auto per recarsi in ufficio: “La differenza di prezzo – sostiene Tizzoni – soprattutto per quanto riguarda l’abbonamento annuale, non è certamente giustificata, in quanto la distanza tra le due stazioni è minima. Inoltre, dall’inizio di giugno  alla stazione metropolitana di Rho Fiera sono in corso i  lavori di adeguamento delle infrastrutture: questo ha comportato anche la chiusura dei parcheggi adiacenti alla stazione, costringendo centinaia di pendolari a prendere il treno dalla stazione di Rho.  Attraverso la mozione, che verrà discussa in consiglio regionale, chiedo dunque alla giunta guidata dal governatore Roberto Maroni di fare tutto il possibile affinché, anche in deroga al vigente regolamento tariffario regionale, venga applicato il costo minore della tariffa ferroviaria, unificando i prezzi, portandoli tutti a 2,10 euro a corsa. Si risolverà così una problematica che interessa molti pendolari del nord ovest”.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese