Home Politica

Tutto quello che avreste voluto sapere da Ravelli

 

Capitolo segretario comunale: a Giammarrusti chiederò di firmare il documento di Libera

Durante la campagna elettorale lei ha firmato il documento L6 di Libera. In questi giorni abbiamo saputo che il segretario Giuseppe Locandro terminerà a breve il suo incarico e nella rosa dei candidati sarebbe stato confermato il nome di Mario Giammarrusti. E’ vero?

Sì, la notifica di Locandro l’ho consegnata, dopo averlo avvertito a voce dieci giorni fa, perché non intendevo rinnovare il suo mandato. Non ho nulla di personale contro Locandro, perché è una persona estremamente corretta e molto brava, però ho deciso di avere una vera e propria frattura con il passato, in quanto c’è stato un commissariamento e voglio dare un segnale di cambiamento. Del resto questa è la prassi: il segretario è la persona che dà un parere legale e nello stesso tempo deve proteggere il sindaco dal punto di vista istituzionale. Naturalmente il segretario comunale va individuato per bando, anche se avendo i requisiti previsti si tratta poi di una scelta sindacale. Mi piacerebbe avere una collaborazione con il dottor Giammarrusti per la sua professionalità. So dove volete arrivare…

La domanda è molto semplice: la sua figura non è in contrasto con la firma sul documento di Libera?

Quello che ho detto a lui e a tutti quelli che saranno eletti per i vari mandati, compreso quello della casa di riposo, è che dovranno sottoscrivere il documento secondo i criteri di protocollo di Libera che noi abbiamo firmato in campagna elettorale.

Ma il documento L6 è ostativo alla nomina…

Questo non so. Io lo sottoporrò a lui, che lo leggerà, lo guarderà.

Ci risulta che Giammarrusti abbia già avuto delle condanne definitive in primo e secondo grado e anche dalla Corte dei Conti.

Questo, se non mi sbaglio, è riferito a una vicenda del 2001. E’ successo che il sindaco di Limbiate aveva voluto mandare via due funzionari comunali per motivi di carattere tecnico o politico, esattamente non lo so, e ha voluto firmare una delibera o qualcosa del genere per mandare via questi due funzionari. Il segretario, almeno così mi è stato riferito, pur non essendo in sintonia con il primo cittadino e avvertendolo che non era possibile scrivere una cosa del genere, proprio per seguire il suo sindaco, ha firmato anche lui questa decisione. Naturalmente tutto questo è andato per vie legali e i dipendenti hanno vinto e hanno ottenuto 175 mila euro di risarcimento. Quindi non so se questa è una condanna che dal punto di vista dei criteri di Libera è ostativa.

Quindi ne parlerà con Libera?

Ne parlerò con Libera e comunque io ho l’elenco dei loro criteri. Li sottoporrò a tutti i candidati alla carica di segretario comunale, farò leggere loro questo documento e poi saranno a decidere se rifiutare eventualmente di firmarlo.

Lo metterà nel bando?

Non posso farlo perché i termini per l’eleggibilità sono termini di legge. Anche i consiglieri comunali, per esempio, devono sottostare solamente ai criteri di legge. Il protocollo di Libera, che non è legge, da quello che posso capire è un documento di “autocertificazione”, ma non può essere previsto come obbligo. Se la persona individuata non ottempera è chiaro che subentra un problema di carattere legale. Però posso dire a chi verrà individuato che prima deve firmare questo documento, sapendo che se questo non avvenisse io avrei fortissimi dubbi. A questo punto lo inviterei, perché non posso dire “non ti voglio”…

Questo lo può fare, perché è una scelta sindacale…

Certamente. Siccome è una cosa che chiedo io posso dire “non mi convinci”. Quando sarà individuato sottoporrò il protocollo di Libera.

Quindi se il documento non verrà firmato il segretario non otterrà la sua fiducia?

Certamente.

I tempi tecnici quali sono?

Il segretario è convenzionato anche con Cesano Boscone e quindi dobbiamo capire se quel comune vuole tenerlo sentendo prima la giunta. I tempi tecnici sono di sessanta giorni. Anche in questo caso è chiaro che c’è un passaggio tra il segretario attuale e quello nuovo che non ci mette nella situazione ideale, visto che il segretario attuale non è motivatissimo nell’aiutarci.