Home Politica

Udc: “La giunta si costituisca parte civile”

05 dicembre 2011 – L’Udc affida a un comunicato a firma dei suoi consiglieri comunali, segretario e direttivo il commento alle dimissioni del sindaco Fornaro e l’analisi di cosa succederà nelle prossime settimane. Profonda amarezza nel prendere atto delle dimissioni di Fornaro, sono queste le parole che aprono la nota dell’Udc, alle quali seguono il ringraziamento sl sindaco reggente Carlo Giudici, all’assessore Domenico Congedo e a tutti i componenti della giunta che “in accordo con la maggioranza tutta hanno portato avanti in questi due mesi di attività, la propria missione con spirito di servizio alla cittadinanza”. L’Udc ribadisce anche le ragioni che l’hanno indotta a mantenere in vita la coalizione di governo cittadino dopo la sospensione del sindaco.

“In tutte le occasioni pubbliche e attraverso la stampa – recita il comunicato – abbiamo responsabilmente dichiarato la volontà di continuare ad amministrare la comunità aresina, sino a quando la vicenda giudiziaria che ha colpito il sindaco, non fosse giunta a una definizione attraverso le indagini condotte dalla magistratura. In questi due mesi la giunta e la maggioranza con senso di responsabilità hanno proceduto a varare progetti e delibere conformi al  programma elettorale condiviso e presentato ai cittadini nel giugno 2009. Gli atti approvati sono pubblici e rappresentano la concreta materializzazione della volontà politica precedentemente espressa. Tutto questo ribadiamo, a conferma della nostra dichiarata volontà di attendere gli sviluppi delle indagini,  con la convinzione che un indagato è innocente fino alla dimostrazione certa della colpevolezza”.

L’Udc, nel dichiararsi rispettosa delle decisioni prese da Fornaro, non lesina una stoccatina a chi sta frettolosamente utilizzando la vicenda a fini elettorali: “Oggi, pur non comprendendo le ragioni delle repentine dimissioni, l’Udc di Arese rispetta la volontà del signor Gianluigi Fornaro e nel prenderne atto con la serenità e la certezza di aver sin qui compiuto il proprio dovere nella massima trasparenza e legalità, si rimette ai provvedimenti che il prefetto andrà a prendere in relazione all’atto delle unilaterali dimissioni rese in modo irrevocabili dal sindaco. In questo particolare momento della politica aresina, sentiamo fino in fondo il dovere di affrontare nei prossimi giorni il percorso che la legge prevede in questi casi, senza compiere nessuna azione di sciacallaggio politico, molto praticato in questo periodo a fini elettorali e certi di aver spiegato fin dall’inizio della vicenda, le nostre ragioni politiche di amministratori responsabili, auspichiamo una nuova stagione politica che si concretizzerà nei tempi previsti dalla legge, perché la nostra città merita una stabilità amministrativa che possa far fronte a tutti i problemi sul tappeto”. L’Udc annuncia comunque un atto concreto, peraltro già anticipato qualche tempo fa, nei confronti del sindaco uscente: “Prima della rassegnazione delle dimissioni irrevocabili dei nostri consiglieri, gli stessi inviteranno la giunta, come già dichiarato in consiglio comunale, a costituirsi parte civile nel procedimento legale nei confronti del sindaco a tutela dei cittadini aresini. Questo sarà l’ultimo atto che chiuderà questa legislatura. Con immensa tristezza, amarezza e incredulità nei nostri cuori ci congediamo dai nostri cittadini dopo anni di lodevole e trasparente amministrazione”.