Home Politica

Un Forum per discutere del futuro di Arese

16 ottobre 2012 – Il prossimo venerdì 19 ottobre, alle ore 21,00 presso l’auditorium Aldo Moro, si tornerà a parlare di politica in un dibattito pubblico organizzato da Un Forum per la città che, aperto alla partecipazione di tutti i cittadini, vedrà confrontarsi Rossella Ronchi, sindaco di Arese dell’Ulivo dal 1995 al 1999, Gino Perferi, sindaco Udc dal 1999 al 2009 e Giuseppe Augurusa, candidato sindaco del centrosinistra nel 2009 e nel 2012 e referente della minoranza dal 2009 al 2012. “Abbiamo pensato di organizzare questa serata – commenta la portavoce del Forum Barbara Scifo – per tornare a parlare con i nostri concittadini, riflettendo insieme su come superare la crisi politica di Arese e nel contempo interrogandoci sul ruolo che i cittadini possono esercitare per il bene futuro del territorio, a partire dall’affettività e dal senso di appartenenza che li lega alla città. Abbiamo scelto di invitare questi rappresentanti politici perché sono loro che negli ultimi 15 anni hanno ricoperto, seppure in modi diversi, un ruolo di governo e di responsabilità  nella nostra città”.

A seguire è prevista la testimonianza di una persona esterna alla realtà aresina, l’imprenditore sociale e attuale Presidente di Welfare Italia Servizi, Giovanni Dotti, che offrirà stimoli importanti per comprendere come i cittadini possano essere motore per il rinnovamento e la crescita delle realtà locali. Un cambiamento che riaffermi la priorità delle iniziative sorte dalla comunità e rimetta al centro la persona e tutti quei soggetti sociali ai quali è possibile riconoscere una funzione pubblica. Al termine della serata sarà, infine, dato spazio alle domande e alle riflessione del pubblico. La serata sarà anche l’occasione per presentare l’attività e le iniziative che l’associazione intende intraprendere nel corso dei prossimi mesi, al fine di mettere al centro la possibilità di ridefinire “dal basso” l’agenda della città e le coordinate dei processi decisionali.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.