Home Rubriche Lettere

Agosto torrido… alla Casa dell’Acqua!

28 agosto 2012 – Noi eravamo in vacanza ma il nostro Francesco Gentile era già rientrato ad Arese e il giorno 19 di questo torrido agosto a chi poteva dedicare il suo Più o Meno se non alla Casa dell’Acqua!

Ebbene si, devo ammettere che il mio rapporto  con la Casa dell’Acqua è difficile: un amore – odio, si dice. A partire dai miei figli, chi legge i miei frequenti Più o Meno sul grande servizio che il nostro Comune ci ha messo a disposizione, dice che “capitano tutte a me!”. Ribatto che io ci passo tutti i giorni, dal primo giorno, spesso per rifornirmi d’acqua, altre volte perché la strada fa parte del mio giro mattutino. Ad esempio, mi lamento del fatto che dal giorno dell’inaugurazione, non sono stati più aggiornati i dati dei valori  misurati di qualità dell’acqua erogata… Dal 9 agosto, funzionano i terminali per il prelievo dell’acqua frizzante regolamentato: è cosa buona e giusta, che aspettavamo da tempo. Molti erano quelli che approfittavano della possibilità di prendere quantità illimitate e io stesso ho visto persino un furgoncino di un bar – ristorante che faceva il pieno o un gruppo di nomadi che ha riempito il bagagliaio di una Mercedes di boccioni da 5 litri, creando una coda di cittadini in attesa che, inizialmente attendevano con pazienza, poi hanno cominciato a protestare, ricevendo improperi… C’erano poi persone che addirittura lavavano le bottiglie con l’acqua gasata, invece di farlo a casa… senza pensare che le bottiglie in vetro, ad esempio vanno ogni tanto sterilizzate e quelle in plastica devono essere cambiate.

Quindi è giusta l’operazione fatta, ma… subito mi chiesi se fosse giusto usare la Carta Regionale dei Servizi per il prelievo. Spiego i perché:
1) L’uso frequente della Carta, la fa deteriorare: specie all’atto di infilarla nell’apposito ingresso si rischia di piegarla o graffiarla.
2) La Carta si riprende, spesso, con la mano bagnata: provate a togliere e mettere bottiglie e confermerete che si corre il rischio di danneggiare il chip o la banda magnetica. Nella fretta, chi si asciuga prima di toglierla?
3) La Carta serve anche per la Sanità e la usiamo ad esempio di frequente in farmacia, inoltre riporta il codice fiscale, nome e cognome e altri dati: danneggiandola si crea il problema della sostituzione;
4) Avevo fatto notare agli amici che sarebbe stato facile, specie per le persone anziane, dimenticare la Carta nella fessura, dopo aver compiuto le operazioni veloci, conteggiate ognuna a secondi: il giorno di Ferragosto alle 13 circa, ho trovato una Carta dimenticata dal signor S.B.. Mi sono posto il problema dell’utilità e, a casa, ho cercato in elenco il numero telefonico e ho contattato l’intestatario e ho potuto restituirla…

Quale potrebbe essere la soluzione alternativa? Io propongo l’introduzione di una carta simile, una “chiave” per il tesoretto-Acqua, fatta fare dal Comune, consegnata ai Cittadini dietro contributo spese di due, tre euro: è una cosa fattibile? È vero: forse capitano tutte a me, oppure io sono un utente e come tale cerco di salvaguardare la cosa pubblica che è “nostra”.

Francesco Gentile
www.gents.it/blog/

Questa lettera può essere commentata sulla pagina Facebook di QuiArese.