Home Rubriche Lettere

Ancora un ricordo di Edgardo Cozzi

26 maggio 2011 – Non c’è dubbio che Edgardo Cozzi ha lasciato un ricordo indelebile nel cuore di diverse generazioni di aresini. Ecco un’altra lettera ricevuta dai ginnasti aresini che ne ricorda la figura umana e sportiva.

Ciao Signor Cozzi
Noi, ginnasti di Arese vogliamo ricordare il nostro Signor Cozzi, scomparso nella notte di domenica 22 maggio 2011. Ex ginnasta, nel 1966 insieme ad un gruppetto di giovani ragazzi utilizza uno spazio all’interno del centro salesiano e comincia la sua carriera di istruttore di ginnastica. La disciplina e l’entusiasmo del signor Cozzi fanno si che da sparuto il gruppo diventi sempre più numeroso tanto che quando il CCSA inaugura nel 1968 ecco nascere la Sezione Ginnastica! ed è un successo! Allena la squadra agonistica dal 1974 al 1997, poi diventa il direttore tecnico della sezione ginnastica. Non si dedica solo alla ginnastica artistica, ma anche al fitness, di cui è istruttore da 1980 al 1997. Il signor Cozzi lascia in noi, i suoi atleti, il significato della passione sportiva, la disciplina e la tenacia. Ci ha insegnato che per raggiungere un obiettivo bisogna impegnarsi con energia, entusiasmo ed allegria!

il signor Cozzi, davvero un grande uomo, una persona sempre sorridente che ha insegnato a tre generazioni con dolcezza e in armonia quanto è bello stare insieme in palestra! Ci ha accompagnato nei nostri percorsi sportivi incitandoci e spronandoci, con pazienza spiegava e rispiegava esercizi e tecniche; era lì con noi mentre vincevamo una medaglia o dopo una caduta dalla trave..Nonostante la ginnastica sia uno sport individuale, il signor Cozzi ha sempre fatto si che la squadra fosse al centro dell’allenamento. Un istruttore pieno di carisma, un uomo buono e dolce che ha creato non solo la squadra di ginnastica artistica, ma una grande famiglia che condivide e ha condiviso le stesse emozioni. Tutti noi ce lo ricordiamo fino a poco tempo fa, entrare in palestra sorridente, andare verso le parallele simmetriche o la sbarra e iniziare il suo allenamento. Il messaggio che vorremmo passare, oggi, è che il Signor Cozzi per noi è stata una figura fondamentale, una persona straordinaria e vogliamo ringrazialo con tutto il nostro cuore per essere stato il nostro Signor Cozzi!