Home Rubriche Lettere

Augurusa e CCSA: la replica di Intese

15 aprile 2011 – Ieri abbiamo pubblicato due lettere, una di Giuseppe Augurusa del PD (leggi qui) e una del direttivo del CCSA (leggi qui), che nella loro ricostruzione della vicenda legata al Centro Sportivo Davide Ancilotto chiamavano in causa, tra gli altri, la società Intese e il suo rappresentante Alessandro Chiappini. Che a sua volta ci invia questa lettera di replica che fornisce anche un’informazione importante riguardo alla questione delle fideiussioni.

Erg. Direttore,
Che lettere lunghe dal CCSA e dal sig. Augurusa, mi esimo dal farcire questa mia di “rigetto in toto” o altre forme care ad essi, mi preme precisare che:
1) le società sportive dilettantistiche sono senza scopo di lucro, la differenza dalle associazioni come il CCSA, è che le società sono costituite con atto pubblico e dotate di un capitale di funzionamento con soci e amministratori pubblicati in camera di commercio, basta provare a fare la camerale del CCSA per comprenderne la differenza.
2) Intese non ha mai chiesto ne chiederà mai al comune di fare fideiussioni per essa, pensavo fosse chiaro a tutti ma forse qualcuno fa prima a scrivere che a leggere ciò che è scritto.

3) I contratti si fanno in due soggetti giuridici per mutuo accordo con stipula a firma dei due legali rappresentanti.

E poi mi perdoni qualche domanda: quando fu pubblicata la gara pubblica che assegnò per 43 anni al CCSA la gestione del centro sportivo? Da quando esiste Fondazione, quando sono stati selezionati in base alla relativa manifestazione di interesse? Trattandosi di fondi pubblici ingenti, i trasferimenti di cui parlano nella lettera, in base a che bando li hanno vinti? Non pretendo risposte, sono domande pleonastiche.
Ringraziamenti e Distinti Saluti
Alessandro Chiappini