Home Rubriche Lettere

Centro Sportivo: la Lega dice basta!

25 maggio 2011 – Sembrava che la vicenda del Centro Sportivo si fosse raffreddata ma in realtà il fuoco covava sotto la cenere, come dimostra questa lettera che ci ha inviato Vittorio Turconi, segretario della Lega Nord di Arese e che pubblichiamo integralmente. Dal testo non risulta chiaro se la Lega presenterà un’interrogazione in consiglio comunale…che sarebbe comunque indirizzata alla sua maggioranza e a un suo assessore! Viene spontaneo domandarsi perché la Lega, che di questa maggioranza ha fatto parte sin dall’inizio, non abbia fatto valere le sue ragioni all’interno della maggioranza, avvallandone, quanto meno con il suo silenzio, le scelte e condividendone quindi integralmente le responsabilità politiche. Ci viene da pensare, e di questo siamo orgogliosi, che la voce di molti cittadini, che spesso si è fatta sentire tramite QuiArese, abbia alla fine prodotto qualche risultato. Sulla vicenda del centro sportivo abbiamo pubblicato numerosi articoli e fondamentalmente continuiamo ad avere un atteggiamento agnostico. Ciò non toglie che continueremo a dare spazio a tutti gli interventi e che comunque a nostra volta auspichiamo che ci sia un forte organismo di controllo in grado di valutare serenamente e oggettivamente le legittime esigenze di tutte le parti in causa.

E’ tutto vero, grazie all’intervento degli assessori della Lega Bartolini e Seregni, in collaborazione con la Polizia Locale, e coordinati dall’assessore alla Vigilanza Massari, sono stati bloccati i lavori non autorizzati all’interno del Centro Sportivo Davide Ancilotto. Si trattava dei gonfiabili che occupavano il campo da basket esterno, e di una fatiscente e improvvisata sala da ballo all’interno di un pallone del tennis. Tutte attività autorizzate da Fondazione ma non dagli organismi competenti in materia. Fondazione può solo esprimere il parere sull’attività ma non è certo l’Ente delegato alla Sicurezza e Antincendio. IN.TE.SE, continua a fare quello che vuole come se fosse il vero e unico padrone di casa. L’arroganza del Cav. Chiappini avanza, ma questa volta la Lega dice basta, se non si rispettano le leggi si interverrà e chi sbaglia pagherà. L’impotenza di Fondazione permette al Cav. Chiappini di agire indisturbato, ma da tempo la Lega vigila e continuerà a vigilare ed è pronta con ogni mezzo ad intervenire. Nessuno vuole impedire le manifestazioni all’interno del Centro Sportivo ma ciò non significa che si possa fare quello che si vuole. Le leggi esistono e andranno rispettate non come ora che continuano a fare gli gnorri.

Quando fa comodo IN.TE.SE, rappresentata dal Cav. Chiappini, conosce le leggi alla perfezione, quando non fa comodo, ignorano anche il più stupido dei Regolamenti. Ora basta, abbiamo mostrato come Lega  al Cav. Chiappini ampia disponibilità, ma il Signore interpreta la disponibilità a modo suo abusandone e considerandola come un lasciapassare per fare quello che vuole con arroganza. Chiederemo spiegazioni di come mai è stato assegnato il bar in gestione a circa 5 mila euro all’anno. Ricordo che il bar del Centro Sportivo, veniva precedentemente assegnato per circa 24 mila euro all’anno. In una situazione dove lo sport aresino necessita di finanziamenti, regaliamo queste opportunità solo a chi vuole solo trarne profitti. Verificheremo se è tutta corretta la pratica per l’assegnazione e in special modo l’importo. Come mai non è stato pubblicato un bando di interesse per l’assegnazione del bar? Come mai Fondazione ha proceduto senza porre nessun quesito? Andremo anche in questo caso fino in fondo con tutti i mezzi necessari. Ringrazio per l’attenzione e invito tutti quanti di qualunque colore politico a intervenire sul problema Centro Sportivo Davide Ancilotto che, ricordo, è il Centro Sportivo di Arese e degli aresini e tale deve restare.

Vittorio Turconi
Segretario Lega Nord Arese

Se vuoi commentare questo articolo, lo puoi fare sulla pagina Facebook di QuiArese (link)