Home Rubriche Lettere

C’era una volta un campo da basket…

Era da un po’ di tempo che non ricevevamo lettere sul Centro Sportivo ma, come dimostra questa appena ricevuta, in una parte della cittadinanza continua ad esserci malcontento sulle modalità di gestione di alcune strutture. Nello specifico il nostro lettore parla del campo da basket all’esteno.

17 maggio 2011- Entrando al centro sportivo non credevo ai miei occhi, l’ultima aberrazione!!!!!! C’era una volta un campo di basket , dove ogni giorno file di bambini prima, ragazzi più o meno giovani poi, nelle ore più tarde si sfidavano, si allenavano, giocavano in compagnia. Venivano anche da fuori molte volte, come i ragazzi di Garbagnate; è vero qualche volta arrivava un pallone imprevisto…ma quanta allegria e comunque era ed E’ un campo di basket (cosa fa FACS ????? Vigila sull’uso degli impianti sportivi???…Facciamoci una grandissima risata…ma per favore!!!!!!). Bene ora c’è un ammasso di gonfiabili, sgonfi per….?????, in attesa di permessi , ma ci vuole un genio per capire che in un posto recintato con un’uscita piccola forse forse non ci sono i requisiti per mettere quelle strutture???

Certo, controlli quelli che entrano ed escono e non ti scappa nemmeno un’euro. Già avete capito bene, perché un luogo che era gratuito dove tutti potevano accedere ora diventerà a pagamento e potrai  accedere se provvisto di tessera (Arese Sport)…invito tutti a riflettere. Invito anche il comune a riflettere, avevate un centro sportivo, sicuramente da sistemare, ma che fungeva da centro di aggregazione, pieno di gente (questi sono servizi che un buon comune deve offrire ai cittadini che pagano le tasse) e ora avete un centro ugualmente da sistemare ma vuoto e dove ogni cosa è a pagamento, i cittadini le tasse le pagano perché????? Cara giunta comunale meditate…e guardate a quanto è successo a Milano, forse capirete che quando i cittadini sono scontenti…lascio a voi le conclusioni, ma aprite gli occhi.

Lettera firmata