Home Rubriche Lettere

Grave lutto per la ginnastica aresina

25 maggio 2011 – Questa lettera è per comunicare la triste notizia della morte di un grande uomo… il Sig. Cozzi, storico insegnate di ginnastica artistica al CCSA, che ci ha lasciato domenica notte…non ci sono parole per descrivere la sua grandezza… ieri alle ore 14.30 si sono svolti i funerali presso la chiesa SS Pietro e Paolo…Vorrei ricordarlo con il messaggio letto durante i funerali:

Ciao signor Cozzi,
Purtroppo non si è mai abbastanza preparati ad una notizia del genere, soprattutto quando si tratta di persone con una tale bontà d’animo come la tua… Chi, anche solo per un breve periodo, l’ha conosciuto o ha avuto a che fare con lui, può affermare di certo che si tratta di una persona a dir poco speciale; lui che ha creato la ginnastica al CCSA, lui che l’ha portata avanti con passione, lui che negli anni l’ha portata ad altissimi livelli, allenando con pazienza e dolcezza tutti quei ragazzi desiderosi di apprendere da lui il più possibile.

Lui che ha conosciuto migliaia e migliaia di bambini che oggi diventati adulti possono affermare di aver avuto un grande MAESTRO che gli ha insegnato tutte le cose buone della vita…Grazie a te signor Cozzi, la ginnastica è tuttora, nonostante le ben note difficoltà, una tra le più blasonate sezioni del centro sportivo; questo perché, con passione, ci hai insegnato ad andare avanti nonostante le difficoltà, ci hai insegnato che sicuramente è bello vincere, ma anche che non salire sul podio non è una sconfitta, ci hai insegnato la grinta e la determinazione ma ci hai insegnato soprattutto, ad aver cura del nostro compagno di squadra e a sostenerlo…quasi tutti noi siamo passati da atleti ad insegnanti grazie alla passione che ci hai trasmesso…grazie a te, tutti noi oggi siamo ancora una grande famiglia che ha vissuto le stesse emozioni e ha avuto un MAESTRO con un grande carisma. Nei tanti anni passati insieme, ci hai fatto raggiungere grandi obiettivi e traguardi, e grazie a te abbiamo conquistato trofei e medaglie, oggi siamo noi a volerti premiare per come è stata intensa e generosa la tua vita e per ringraziarti di averci dato la possibilità di farne parte. Ci piace ricordarti con quella tuta blu, attaccato alla sbarra fino a poco tempo fa a fare trazioni e addominali, instancabile…Ci piace ricordarti con le tue mani grandi e forti, grazie alle quali noi ci sentivamo sicuri ad affrontare gli esercizi se eri li ad assisterci. Ci piace ricordare le tue frasi tipiche, spesso ci facciamo ancora qualche risata ripetendo “rimmo rimmo” e “dai una bella calzata”. Ci piace ricordarti con un sorriso, perché questo non ti è mai mancato…
Caro signor Cozzi siamo davvero fortunati ad averti conosciuto…Ti vogliamo bene, grazie di cuore…
I tuoi atleti..