Home Rubriche Lettere

Il Comitato Spontaneo Genitori sul CSDA

22 luglio 2011 – Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di Luigi Muratori, portavoce del Comitato Spontaneo Genitori, che interviene sul consiglio comunale aperto dello scorso 18 luglio.

Dopo essersi subito quattro ore di questo ultimo consiglio comunale dedicato al Centro Sportivo Davide Ancilotto dove era assente l’assessore allo sport, non era presente nessuno per la fondazione FACS,  dove era assente la Lega Nord, dove risultavano assenti i consiglieri del PDL, l’unica considerazione che viene è che da un consiglio comunale a porte aperte per il CSDA, ci si sarebbe aspettato un trattamento diverso per i cittadini di Arese! Non oso pensare poi con tutte quelle assenze se c’era anche il numero legale! Mi astengo da criticare la formula infelice con cui è stato fatto questo consiglio comunale noioso, prolisso e di scadenti contenuti per i tre quarti del suo tempo, tanto da far pensare hai maligni che sia stato costruito ad arte, per scoraggiare l’intervento dei cittadini e fiaccare la loro resistenza.

Ma andiamo con ordine, con un lungo preambolo il sindaco Fornaro, con voce monoto, quasi afona, leggeva la cronistoria dei fatti succedutesi nel CSDA, aprendo di fatto il consiglio, ma tra la speditezza della lettura, l’elencazione di dati e nomi, la complicità del microfono che funzionava ad intermittenza ed il suo cellulare che ad ogni telefonata in arrivo interferiva, tale situazione metteva a dura prova la capacità cognitiva e d’attenzione di tutti i presenti, i quali alla fine non esprimevano neanche un battimani, presi dalla gioia della liberazione della sua conclusione. Poi intervenivano il sig. Chiappini, rappresentante di In.Te.Se, e a seguire i responsabili del nuoto e tennis. Tutti ovviamente non hanno fatto che confermare la loro efficienza e quella del CSDA! Bontà loro! Non ci si poteva aspettare il contrario da chi vuole gestire il CDSA, inoltre era necessaria una clack per l’amministrazione, viste le assenze. A questo punto però ci sorgeva un dubbio, ma noi del Comitato Spontaneo dei Genitori che abbiamo firmato la petizione siamo tutti pazzi? Viviamo in un altro mondo? Noi eravamo venuti per sentire delle proposte sul CSDA da parte del sindaco e delle forze politiche presenti, per imprimere una decisa sterzata alla gestione del CSDA, e invece, ci trovavamo sbigottiti, davanti a chi ancora mette in dubbio il fallimento della sua gestione! Dopo l’intervento del CCSA finalmente il PD metteva il dito nella piaga sui disservizi, le carenze, le inadempienze ed i conflitti d’interesse.

All’alba delle 23,00 finalmente si dava la parola ai cittadini. Ormai gran parte dei presenti erano presi tra lo sdegno e lo sfinimento, quando, finalmente interveniva il sig. Augurusa, del PD, e per la prima volta sentiamo chiare posizioni politiche e proposte rivolte alla soluzione ed al rilancio del CSDA. A questo punto, fiduciosi, attendiamo la chiusura della serata da parte del Sindaco a replicare a chi era intervenuto, speranzosi di poter valutare finalmente il suo punto di vista. Ma dopo essersi compiaciuto del grande livello democratico di questo consiglio, nonostante per tre quarti del medesimo si sia evitato di parlare dei reali problemi ed impedito qualsiasi intervento; dopo aver giustificato in malo modo il mancato pagamento di alcune bollette del gas che hanno provocato la chiusura della piscina, forse preso dalla stanchezza, il Sindaco parte, affermando che non intende spendere soldi pubblici per il 12 per cento della popolazione, usando il termine “arruffianarsi” che la dice lunga sul suo concetto di politica, senza per nulla chiarire dove dovranno giocare la prossima stagione i nostri figli, anzi velatamente, ma neanche troppo, consigliandoci di rivolgersi a strutture private presenti sul territorio. Poi incredibilmente, si rivolge direttamente a noi, Comitato Spontaneo dei Genitori, nonostante non fossimo intervenuti nel dibattito, non permettendoci neanche di replicare a quanto erroneamente affermato, e chiude il consiglio. Devo preliminarmente ringraziare, comunque, il sindaco Fornaro per quello che ha detto, perché ora non potrà smentirlo. La scorrettezza di usare lo spazio riservato a lui, da ultimo, per replicare a chi era intervenuto, con chi invece non era intervenuto affatto, la dice lunga sul suo concetto di democrazia e mi ha fatto pensare che si era preparato ad un nostro intervento rimanendo spiazzato. Il nostro comitato in realtà ha preferito non intervenire in questo dibattito politico, in quanto il nostro movimento comprende diverse anime politiche, e il dibattito non ha mai preso la strada giusta: dove andranno i nostri ragazzi la prossima stagione!?

Egregio sig. Sindaco, eravamo presenti per valutare le sua proposte, che purtroppo non sono arrivate, anzi, abbiamo trovato chi addirittura negava l’esistenza del problema. E’ sconcertante pensare che si sia stupito che il nostro comitato avesse rifiutato la sua offerta di gestire temporaneamente il calcio per i ragazzi … allora era proprio convinto! Ma quale logica perversa le avrebbe fatto pensare che un comitato di cittadini che ha a cuore tutto il Centro Sportivo potesse accettare di gestire il calcio per i ragazzi? Forse non ha ancora compreso gli ideali su cui ci muoviamo e questo dimostra quanto lei sia lontano dalla cittadinanza. E’ disonestà intellettuale, poi, affermare che noi abbiamo detto no alla sua offerta di gestire il calcio, in quanto volevamo gestire tutto CSDA, la invito, a rileggere bene la nostra conferenza stampa, non facciamo tale affermazione, ma troverà solo la nostra candidatura, con quattro membri, per il direttivo di fondazione FACS,! E’ evidente che questa sua uscita è solo un pretesto per giustificare, a breve, le sue nomine al direttivo FACS, per impedire il controllo diretto dei cittadini e di allontanamento del “cane dall’osso”! L’aneddoto più divertente della serata rimane comunque la questione sulle fatture ancora da pagare, derivanti da un contratto ricognitivo non firmato! Forse neanche lei si rendeva conto di cosa stava dicendo! Per questi motivi a suggello di Arese “terra dei Cachi” si invita tutta la cittadinanza il 17 settembre 2011 alle ore 16,00 davanti al CSDA per festeggiare l’evento.
Comitato spontaneo dei genitori
Luigi Muratori