Home Rubriche Lettere

Il FAI sulle Giornate di Primavera

19 marzo 2012 – Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di Silvana Belloni, responsabile del gruppo FAI Milano Nord-Ovest, che risponde alla lettera di Francesco Gentile intitolata “Portiamo le giornate FAI anche ad Arese” (leggi qui).

Gentile redazione,
ringrazio il signor Gentile che sul numero del 15 marzo del vostro giornale ha posto la domanda del perché la nostra tranquilla e verde Arese non venga presa in considerazione per le Giornate di Primavera del FAI. Sono Silvana Belloni, responsabile del gruppo FAI Milano Nord-Ovest che qui ad Arese ha una sede presso la biblioteca comunale, dove il martedì, mercoledì e giovedì dalle ore 17,00 alle ore 18,00 sono presenti i volontari del gruppo a disposizione dei visitatori. Per quanto riguarda le Giornate di Primavera,  la  caratteristica di un bene richiesta dal FAI è quella di essere di norma un bene non aperto al pubblico, o quantomeno di non esserlo regolarmente. Arese, oltre a non avere beni con queste caratteristiche, è inserita nel circuito della Settimana fra le Groane, che pure organizza visite guidate. Per questo motivo non è mai stata da noi inserita nella GDP. Pur tuttavia collaboriamo con il Polo Culturale Groane per il successo della settimana.

Discorso a parte merita Il Museo dell’Alfa, che non possedendo le caratteristiche richieste come bene per le Giornate di Primavera, era stato oggetto lo scorso anno di grande interesse da parte del FAI durante la Settimana tra le Groane.  Era stato infatti previsto un presidio da parte dei nostri volontari in loco per la Settimana. Pochi giorni prima della manifestazione ci raggiunse la notizia che non se ne sarebbe fatto niente perché il Museo sarebbe stato chiuso per lavori di manutenzione. E a quanto risulta è ancora chiuso. Approfitto della occasione per invitare il Signor Gentile e chiunque lo volesse a venirci a trovare in biblioteca nei giorni suddetti. Sarà per noi un grande piacere poter scambiare idee e avere suggerimenti, e perché no magari avere iscritti FAI in più che ci aiutino nell’opera di difesa del  nostro grande patrimonio artistico e culturale.

Silvana Belloni
Responsabile Gruppo FAI Milano Nord-Ovest