Home Rubriche Lettere

In merito alla trasparenza delle liste

18 aprile 2012 – Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un nostro lettore e candidato nelle liste di 5 Stelle sul tema della trasparenza delle spese elettorali.

Egregio direttore,
tutti i candidati alle prossime elezioni amministrative comunali del 6-7 maggio, predicano trasparenza e onestà. Cominciamo quindi a chiedere di mettere in pratica: vogliamo sapere come si finanziano le liste e i partiti locali, quanti “rimborsi” ottengono dai partiti centrali; basta mettere on line il bilancio dell’anno scorso, se esistente, e di quello attuale. Chiediamo anche visibilità dei costi dell’attuale campagna elettorale, inclusi i costi di affitto della loro sede, se esistente e chi ne è il proprietario. Il M5Stelle Arese si è autofinanziato con 50 euro per ogni candidato, cui aggiungiamo 22 euro di offerte da parte di privati cittadini al mercato. Totale euro: 622,00. Le spese per ora ammontano a euro 428,00 così ripartite:

euro 242 stampa manifesti
euro 62 per affitto 1 serata auditorium del 17/04 (50% del tot. 123 diviso con Garbagnate)
euro 27 dominio www.grilliaresini.it
euro 98 acquisto bandiere.
Nessun altro finanziamento, tanto meno da parte del M5Stelle nazionale, che da sempre rifiuta i rimborsi elettorali. Ce la faranno le altre liste a essere realmente trasparenti e non solo a parole?

Cordiali saluti
Aurelio Civalleri