Home Rubriche Lettere

Lettera Augurusa: la risposta di Chiappini

25 giugno 2011 – Riceviamo e pubblichiamo un intervento di Alessandro Chiappini, procuratore legale e rappresentante di Intese, in risposta alla lettera inviataci ieri da Giuseppe Augurusa (leggi qui)

Egregio Direttore,
Intanto le porgo i miei saluti e senza alcuna pretesa di pubblicazione integrale o parziale le scrivo con riferimento alla lettera del sig. Augurusa. I toni garbati e politicamente corretti con i quali prosegue la lotta del PD nell’agone politico aresino, nonché i contenuti, sempre politici, io non li commento. Però, visto che operiamo nella qualità di socio a progetto speciale di FACS, ci preme venga esposta una corretta immagine dell’attività presso il Centro Sportivo Davide Ancilotto e vorrei quindi ricordare che:

1) il centro sportivo è accessibile a qualsiasi organizzazione sportiva dilettantistica si proponga di riconoscere alla FACS gli affitti per gli impianti;
2) le attività ludiche e di svago proposte nel centro sportivo sono esposte sul programma ARESE ESTATE  patrocinato dal comune;
3) tutti gli sport sono ancora praticati presso il centro sportivo;
4) presso il centro sportivo operano solo organizzazione SENZA SCOPO DI LUCRO, sia pubbliche (ad esempio le scuole), sia private;
5) CCSA non è una polisportiva pubblica ma un soggetto giuridico privato.

Aggiungo che non c’è stato alcun calo di frequentazione presso il centro sportivo Davide Ancilotto, anzi è vero il contrario. Rassicuro i praticanti il calcio che l’offerta calcistica sarà presente l’anno prossimo e sarà sicuramente più ricca dell’attuale. E’ volontà di INTESE (abbiamo già due candidature ma saremmo ben lieti di valutarne altre) selezionare e finanziare il miglior progetto calcistico che si proponga di far crescere la base di 122 iscritti dello scorso anno (rispetto ai 2.400 frequentatori delle altre discipline in meta dello spazio). Ovviamente, il progetto dovrà comprendere l’affitto campi e il saldo delle utenze ed essere poi presentato a FACS che lo valuterà in concorrenza con quelli di altri operatori, ad esempio quello del CCSA che, contrariamente a quanto leggo nella lettera del sig. Augurusa, risulta avere depositato un progetto.

Finisco chiedendo maggiore attenzione nel far si che una importante azione politica che arricchisce sicuramente la vita democratica del nostro Paese, non produca danni o rechi offese ai 140 lavoratori (non volontari compensati in modo irrituale) tra addetti allo sport e addetti ai servizi, che rendono oggi il Centro Sportivo Davide Ancilotto un posto bello e accogliente, dove, lo dimostrano i risultati, lo sport è praticato a livelli di eccellenza. Spero che il chiarimento offerto non rechi ingiurie a nessuno, anche perché, al di la appunto dei contenuti che mi sono apprestato a chiarire, ritengo il contributo offerto dal PD fondante per la democrazia.

Alessandro Chiappini