Home Rubriche Lettere

“Aresenuoto stava facendo un buon lavoro”

13 luglio 2012 – La vicenda del Centro Sportivo, con il recente intervento della Polizia Locale che ha posto i sigilli in ottemperanza all’ordinanza sindacale, divide i cittadini. In questa lettera il parere di alcune mamme, critico nei confronti del provvedimento.

Buongiorno,
siamo assidue lettrici del vostro giornale ma soprattutto mamme. Ultimamente stiamo leggendo sempre più notizie negative in riferimento al Centro Sportivo e siamo molto amareggiate e deluse perché leggiamo cose non veritiere e mai cose positive. I nostri figli hanno frequentato e stanno frequentando i corsi nella piscina del Centro, dove hanno sempre trovato persone qualificate, conseguendo degli ottimi risultati. Nessuno ha parlato del Centro Estivo organizzato da loro, che è coordinato molto bene, con persone qualificate, per questo motivo. Noi l’abbiamo scelto per i nostri figli, ed è già il secondo anno che lo frequentano. A questo punto ci viene da pensare che a qualcuno non interessa far sapere ciò.

Non ho sentito ne letto niente di negativo riguardo il Centro Estivo del Comune, dove i bambini sono costretti ad andare in piscina a Senago e senza che nessun genitore all’atto dell’iscrizione fosse stato informato di questo; avendo ad Arese due piscine, come mai? Parliamo tanto del futuro dei nostri figli per incoraggiarli a fare sport e tutti hanno promesso prima delle votazioni che avrebbero recuperato il Centro Sportivo; ma in che modo, chiudendolo? Perché nessuno dell’amministrazione comunale si prende carico di controllare cosa hanno fatto o sono riusciti a fare nell’ambito del nuoto (ci riferiamo al nuoto visto che i nostri figli frequentano la piscina). Cosa faremo a settembre? Potremmo ancora portare i nostri figli in piscina ad Arese? O, come per il calcio, dovremmo portarli a Bollate, a Rho o a Garbagnate? Questo sfogo è motivato dalle continue critiche lette contro il Centro. E oggi 12 luglio si legge su QuiArese che stamattina hanno messo i sigilli al Centro, e che volevano mandare tutti i bambini fuori dai cancelli. Siamo davvero basite di tutto ciò.

Cordiali saluti
Lettera firmata

Questo articolo può esser commentato sulla pagina Facebook del sito di QuiArese.