Home Rubriche Lettere

“Come è stato scelto il candidato del Pdl?”

22 aprile 2013 – Riceviamo e pubblichiamo questo secondo intervento del lettore Carlo Brusadelli che, dopo essere intervenuto un mese fa sulla metodologia adottata dal Movimento 5 Stelle per scegliere il proprio candidato sindaco, sposta ora la sua attenzione sul Pdl, che ha annunciato venerdì scorso che proporrà come candidato Luigi Muratori di Arese in Testa.

Caro direttore,
un mese fa trasmettevo questa lettera aperta al candidato sindaco del Movimento 5 Stelle, in cui richiedevo un chiarimento in merito a come era avvenuta la candidatura del dott. Carozzi (leggi qui). Con mia grande sorpresa, non ho ricevuto alcuna risposta da parte del candidato o dai “Grillini” locali: francamente non mi sembra un buon inizio per un movimento che sostiene di perseguire la massima trasparenza. Ormai mi sono rassegnato: anche la nuova politica predica bene e razzola male.

A questo punto non provo nemmeno a chiedere spiegazioni al comportamento del Pdl che, nel giro di una settimana, prima annuncia la candidatura della dott.ssa Ardito, poi di un candidato d’intesa con la Lega Nord e infine “dell’indipendente” Avv. Muratori. Chissà quali procedure democratiche saranno state adottate!

Cordiali saluti
Carlo Brusadelli

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.