Home Rubriche Lettere

“Il misterioso caso degli alberi di Arese”

23 aprile 2015 – Riceviamo e pubblichiamo questo intervento del nostro lettore Antonio Scarabelli sulla questione del taglio degli alberi in atto nell’ambito dei lavori per la nuova viabilità.

Il misterioso caso degli alberi di Arese: il povero dr. Watson sarebbe impazzito, ma nemmeno per il grande Sherlock sarebbe stato facile venirne a capo, altro che “elementary”! Ma vediamo di partire dall’inizio. Tutto ruota intorno al maxi piano di viabilità, che comporterà anche l’abbattimento di diversi alberi. Il punto è questo: quanti saranno? Visto le voci più svariate che si rincorrevano sull’argomento, il Sindaco, con un volantino del 28 gennaio 2014, indirizzato ai “Cari concittadini… per darvi risposte corrette e precise” rispondendosi alla domanda “Toglierete delle piante per realizzare questo intervento?” affermava: “Purtroppo si’, ma in un solo punto, nella semi rotonda di viale Sempione – via Gran Paradiso”. Poichè nella rotonda in questione gli alberi da abbattere erano sei (numero confermato anche dal Comune nel comunicato del 31.01.14) e a detta del Sindaco solo questi erano da tagliare, si trattava quindi di sei piante in tutto.

Arriviamo così al 2 luglio quando, in sede di presentazione delle modifiche apportate al piano viabilistico, viene dichiarato che “La scelta di non realizzare le corsie preferenziali per i mezzi pubblici ha permesso anche di evitare il taglio di una serie di alberi. (…) E’ stato ridotto di oltre un quarto il numero di piante, 26 quelle residue, che dovranno essere tagliate”. Quindi delle sei piante che in tutto erano destinate essere tagliate ora se ne taglieranno solo 26, e ciò grazie a una loro riduzione di un quarto (si veda anche il Comunicato 03.07.14 del Forum: “siamo riusciti… a ridurre ancora il numero dei tagli, oggi fermo a 26”). Quindi, alla luce di quanto sopra e per esprimere il tutto in modo corretto e preciso, cioè matematicamente, se ne dovrebbe dedurre che 6 – (6*1/4) = 26. Anzi, a ben vedere, poichè l’albero abbattuto settimana scorsa in viale Resegone a quanto pare era nell’elenco di quelle da trapiantare e non di quelle da tagliare, si avrà 6 – (6*1/4) = 26 + 1. Tralasciando per il momento l’ardito postulato che ne deriva (ovvero che sottraendo qualche cosa da un numero se ne ottiene uno decisamente maggiore), è tutto chiaro no? In fondo fin dal 28 gennaio 2014 lo scopo dichiarato non era forse quello di essere corretti e precisi? O no? Intanto, come detto, un albero, uno dei sei sfortunatamente ridotti a 26+1, è già stato tagliato ignominiosamente; gli altri a seguire, purtroppo.

Antonio Scarabelli

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese