Home Rubriche Lettere

“La mia osservazione alla Variante Varesina”

23 ottobre 2013 – Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di Alessandro Corniani, autore dell’unica osservazione depositata in merito all’adozione della Variante n. 38 al Piano Regolatore Generale per il recepimento del nuovo tracciato della Varesina, che il consiglio comunale sarà chiamato ad approvare domani sera.

Cari lettori di QuiArese,
ricorderete che tempo fa sono andato a verificare quali modifiche sarebbero state apportate dalle Variante Varesina (leggi qui). Pur avendo letto le mie osservazioni sulla “mancata trasparenza”, nessun assessore ha ritenuto interessante chiedere che la documentazione fosse messa per trasparenza sul sito del Comune di Arese e il risultato è che pare che ci sia una sola osservazione al piano… quella che ho scritto io e che gentilmente il mio sodale Massimiliano Seregni ha inviato via PEC perché fosse protocollata.

L’osservazione era questa:
OSSERVAZIONE CONCERNENTE L’ADOZIONE VARIANTE n.38 AL VIGENTE P.R.G. AI SENSI DELL’ART.2, COMMA 2, LETT. B) DELLA L.R. 23/97 PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLA S.P. EX S.S. 233 VARESINA.
Visto il Progetto della viabilità in Variante alla SP exss 233 Varesina da Arese a Baranzate (Codice SILVIA VER1828-RL) il cui progetto prevede una rotonda a 4 uscite con uno studio preliminare ambientale del 2011 che non considera il traffico relativo al futuro Centro Commerciale la cui approvazione è del 2012,
Visto il Piano Urbano del Traffico di Arese approvato con Delibera Commissariale n.41 dal Commissario Pavone in data 06.03.2012 successiva al precedente e comprendente uno studio ambientale e del traffico comprensivo di Cantro Commerciale ma che prevede una rotonda a 3 uscite,
Si richiede che venga fatto uno studio del traffico ed ambientale nuovo con la rotonda a 4 uscite e la presenza del traffico dovuto al nuovo Centro Commerciale prima di procedere all’approvazione dei lavori.

Ora, visto che, per un errore di chi ha fatto lo studio, non esiste nessuna valutazione sull’impatto della quarta uscita che inserirà chi proviene da ovest direttamente in Arese invece che verso Garbagnate Milanese per andare verso la futura Grande Struttura di Vendita e visto che il PUT approvato dal Commissario Pavone non prevede la quarta uscita, mi sembrava logico che occorresse fermarsi e capirne le implicazioni (che sono chiare: un ulteriore aumento di traffico di attraversamento in Arese!). Non mi interessa se questo significa ritardare i piani della Provincia nel caso sia a discapito della nostra cittadina: in fondo è un errore altrui. Purtroppo, quale Cassandra, prevedo che quando verrà discussa nel prossimo Consiglio Comunale – per quanto pertinente – verrà cassata per un cavillo da leguleio. Se sarà così, sarà un peccato. Per Arese, per la trasparenza, per la cittadinanza.

Alessandro Corniani

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese