Home Rubriche Lettere

“Perché qualcuno vuole indebolire Ravelli?”

18 luglio 2012 – Riceviamo e pubblichiamo questa lettera inviataci da un gruppo di sostenitori di Pietro Ravelli che auspicano che al sindaco sia permesso di lavorare sugli obiettivi esplicitati nel suo programma elettorale, adombrano la possibilità che dietro gli attacchi al sindaco ci siano “forze oscure e interessi di potere”.

Ora basta! Siamo veramente seccati da questi continui attacchi contro il Sindaco dottor Ravelli. Forze oscure e interessi di potere stanno cercando di indebolire il Sindaco Ravelli e con lui tutti quei cittadini che, eleggendolo, hanno creduto e credono nel suo programma per Arese. E’ gravissimo che qualcuno tenti di sovvertire la chiara volontà degli elettori, al di fuori di qualunque principio democratico. E’ gravissimo che qualcuno preferisca un nuovo commissariamento al funzionamento delle istituzioni democratiche! La chiarezza con la quale Ravelli si è espresso sulle problematiche aresine preoccupa i centri occulti di potere sconfitti sonoramente alle elezioni.

Chi vuole che il Sindaco ceda alle pressioni che da più parti si palesano? Chi vuole che il Sindaco ceda alle speculazioni? Come mai all’interno del comune quotidianamente si notano ex-amministratori che circolano per gli uffici? Hanno forse ancora delle pratiche da sbrigare? Come mai per anni nessuno ha mai fatto nulla per il Csda, causandone il degrado, e ora che Ravelli prende delle doverose decisioni lo si attacca? Come mai si critica Ravelli che mantiene fede agli impegni elettorali per quanto riguarda l’Adp sull’area ex-Alfa? Si vuole forse permettere una grande speculazione edilizia su quelle aree con grave danno alla comunità di Arese? Lo scopo dell’attacco al Sindaco è creare i presupposti per farlo decadere e ottenere un interregno durante il quale è possibile che vengano prese delle decisioni deleterie che potrebbero ricadere inevitabilmente sulla testa di tutti gli aresini, come abbiamo già sperimentato con le passate amministrazioni (edificazione selvaggia, l’affare del “gas”, la distruzione del patrimonio pubblico, come nel caso del Csda). Lasciatelo lavorare! Ha le competenze, le qualità, l’onestà e l’autorevolezza per rilanciare Arese attuando il suo programma elettorale.

Francesco Braga, Massimiliano Brunello, Dante Boschetti, Maurizio Pietrantonio, Carla Ferlenghi, Anna Maria Simeone, Flavia Bertazzi, Matteo Pietrantonio e altri

Questo articolo può esser commentato sulla pagina Facebook del sito di QuiArese.