Home Rubriche Lettere

Quante criticità per la nostra Arese!

29 agosto 2012 – Pubblichiamo questo intervento di Maria Dilillo, un nome ben noto a chi segue QuiArese anche su Facebook, per i suoi puntuali commenti alle notizie che postiamo sul social network. Maria identifica una serie di priorità per la nostra città e valuta su quali di esse il commissario potrebbe intervenire.

Caro QuiArese,
mi sembra troppo mettere le considerazioni che voglio fare in un post, così gentilmente ti chiedo di ospitare queste mie riflessioni. Vediamo quali sono le emergenze di cui tutti parliamo:
1) rifiuto dell’Adp e valorizzazione dell’area produttiva: si può veramente dire no all’Adp? Come? Facendo pressione sul commissario (???), discutendo con la proprietà? Non mi pare che la Regione abbia lasciato molte speranze e non ci crede quasi nessuno alla possibilità di un cambiamento di questo Adp, dato che quasi tutti hanno mandato le osservazioni alla Vas. C’è poi stata la famosa conferenza dei servizi il 12 luglio, giorno della famosa lettera di Ravelli alla regione? Bellissimo lo studio e il progetto fatto da Augurusa, ma dov’è, che fine ha fatto? Comunque dite come si può arrivare al rifiuto…

2) Approvazione di un Piano di Governo senza consumo del territorio: lo può fare il commissario? Non credo, bisogna aspettare la giunta che eleggeremo.
3) Rientrare in possesso del centro sportivo: come? A che punto è il ricorso al Tar di Intese? C’è qualcuno dell’amministrazione comunale che segue la cosa, che so, l’ufficio legale? Credo siano passati nove mesi dallo sfratto di Facs; è passato un mese e mezzo dal sequestro fatto dalla giunta Ravelli e durato solo 48 ore… Cosa è successo veramente? Quali sono le motivazioni per cui la magistratura milanese non ha convalidato il sequestro? Manzin e Ravelli dissero che non avevano ancora ricevuto la documentazione, ora sono arrivati i documenti, qualcuno ci dice come stanno le cose e quali sono o potrebbero essere i passi successivi? Se no, sono solo parole, e i nostri ragazzi e tutti gli aresini  anche quest’anno non avranno il loro Centro Sportivo…
4) Messa in sicurezza e riapertura della scuola media Silvio Pellico: veramente non  mi pare più un’emergenza. Il comune e il commissario hanno deciso comunque che i ragazzi vadano a Pero. Nessuna spiegazione sul perché nessuna delle proposte alternative può essere presa in considerazione, né su quando inizieranno i lavori, né su quando finiranno, che  lavori devono essere fatti esattamente, a parte la bonifica dell’amianto volato nell’aria e sappiamo come. L’unica cosa che possiamo fare è chiedere al commissario una relazione dettagliata delle cause e avvenimenti che hanno portato a questa situazione, senza infingimenti a copertura di eventuali responsabilità, a partire dalle ragioni che hanno indotto la prima ditta vincitrice dell’appalto a ritirarsi… e insistere affinché questa spiegazione ci venga data perché siamo noi che paghiamo i fatti e i misfatti…
5) Modifica articolo 56 dello statuto comunale (M5S) per una democrazia partecipata: non si può fare fino alla nuova giunta.
6) Trasporti: che può fare il commissario? Credo poco o nulla.
7) Il verde pubblico: a che punto è il ricorso al Tar della seconda classificata al bando per l’appalto della manutenzione del verde pubblico? E’ partito l’altro bando? Il commissario può occuparsi di questo? Credo di sì… Ci dica come intende procedere…
8)  Politiche giovanili, sociali e di assistenza agli anziani (Pdl): com’è che non avete fatto nulla in tutti gli anni che siete stati al governo con l’Udc? E non credo che il commissario possa mettere in piedi qualcosa….

Ci sono, se non sbaglio, due partiti commissariati qui ad Arese. Mi fermo qui. Chi vuole aggiungere altre criticità è il benvenuto… Credo però che senza un chiarimento di quanto è accaduto dalla campagna elettorale fino alle dimissioni di Ravelli, ci sentiremo sempre oltraggiati e presi per in giro. Quindi sarebbe molto difficile recuperare la fiducia nei partiti e nelle liste civiche. Pensiamoci tutti.

Grazie QuiArese
Maria Dilillo

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.