Home Rubriche Lettere

“Va bene strade e biblioteca, ma lo sport?”

17 luglio 2014 – Riceviamo e pubblichiamo queste interessanti considerazioni di un nostro lettore sullo sport, o meglio sulle strutture sportive, della nostra città. Con un confronto, che sembra impietoso, con i Comuni limitrofi.

Mi farebbe piacere vedere pubblicate queste considerazioni e conoscere il parere degli aresini al riguardo. Continuiamo a crogiolarci nella nostra bella Arese e non ci accorgiamo di quanto siamo scivolati indietro. Vorrei soffermarmi sullo sport, in particolare sul calcio, ma se parlassimo ad esempio di biblioteche e spazi per i giovani, a oggi non cambierebbe nulla, siamo il fanalino di coda dei comuni limitrofi, qui pare che l’amministrazione voglia mettere una pezza, ma nello sport? Nel calcio, siamo il paese che ha meno campi di calcio della zona e quello che li ha più scassati (due campi all’ex Ccsa, uno in rifacimento e l’altro scassato, e un campo al Gso in condizioni molto critiche con spogliatoi molto datati).

Per fare un confronto, Garbagnate ha cinque società e cinque campi di calcio di cui uno in sintetico fantastico. Lainate ha quattro società con cinque campi tutti stupendi, due in sintetico e tre in erba naturale fantastica. Bollate ha cinque società e cinque campi, tre molto belli e due meno. Sempre nel calcio, siamo l’unico paese del circondario ad avere solo una società (forse due il prossimo anno con il San Giuseppe), il Gso, e a non avere nemmeno una squadra di Terza Categoria (forse ci proverà il Gso il prossimo anno). In tutto il paese c’è addirittura solo una squadra che gioca un campionato Figc (i miei pulcini del Gso), record mondiale. Anche nel basket e nel nuoto siamo messi male, le nostre palestre e le nostre piscine sono vetuste, obsolete. Al Ccsa invece di rifare si è preferito ristrutturare o meglio “ritoccare” ma il vecchio è rimasto vecchio.

Quindi… i nostri ragazzi emigrano, dagli altri paesi vengono a scuola ad Arese e da Arese andiamo a fare sport a Garbagnate, Bollate, Lainate. E’ sensato? Credo di no, eppure nel piano del Comune abbiamo solo investimenti limitati solo e sempre nell’ex Ccsa ora in mano a San Giuseppe Sport, che non è una Onlus ma una Srl. Occorrerebbe un vero piano per lo sport ma ad Arese continuiamo a parlare di strade, strade, strade come se tutta Italia dovesse passare da Arese per andare al Centro commerciale o all’Expo.

Michele Monopoli

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese