Home Rubriche Lettere

“Viabilità: quali obiettivi realmente raggiunti?”

24 febbraio 2016 – Riceviamo e pubblichiamo questo intervento, critico, di un lettore su quelli che sarebbero, a suo parere, gli obiettivi realmente raggiunti con il nuovo progetto viabilità.

9 gennaio 2016. Il “progetto convince” titola Il Giorno. “Sempre aperti alle critiche”, risponde l’assessore. Obiettivo raggiunto in pieno e ringraziamo pure per essere stati ascoltati, per l’eliminazione dell’assurda corsia autobus, per averci consentito di svoltare a sinistra in viale Nuvolari, palese nell’esempio di questi giorni cosa sarebbe successo altrimenti, grazie per i parcheggi dove necessari tralasciando il fatto che siano mal progettati e pericolosi e per le luci a Led ovviamente. Convince quindi, e chi vive in auto ringrazia senza ombra di dubbio, dall’altro è realmente fruibile per le utenze più deboli? Le ciclabili sono funzionali? Il dubbio mi viene ascoltando il sindaco (Consiglio comunale aperto del 7 gennaio 2016) che rassicura bambini ed anziani che potranno utilizzare i marciapiedi.

Ma in tutto questo ringraziare, in tutte queste approvazioni e convincimenti a qualcuno è venuto in mente, qualcuno si ricorda quale è l’obiettivo primario di questo progetto? Tra tutti questi compiacimenti, tra le righe degli annunci politici, dovremmo ancora chiederci se la viabilità stia diventando funzionale all’obiettivo primario: evitare l’attraversamento di Arese. Chiediamoci quindi, non più sulla base dei progetti, ma nella realtà: è più conveniente per gli automobilisti passare per Arese? Me lo sto chiedendo perché già oggi, con ancora due semafori da togliere e i cantieri, raggiungere Caronno Pertusella da Terrazzano è molto più veloce attraversando il nostro paese; a nessuno verrebbe più in mente di arrivare in varesina per poi attraversare Santa Maria Rossa; lo stesso vale, chiedete a chi volete, per chi esce dall’autostrada o proviene da Lainate e deve raggiungere Mazzo, mai più passerebbe per il Sempione. Di questo dobbiamo ringraziare?

In ultimo vorrei personalmente ringraziare chiunque saprà dirmi quali sono le differenze fra il progetto di attraversamento Pavone e il progetto di attraversamento Palestra. In cosa differiscono, quali sono le differenze che scoraggeranno l’attraversamento del paese?

Grazie.
Stefano Madella

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese