Home Rubriche Lettere

Sconti SMG: una sfortunata coincidenza

30 settembre 2011 – Riceviamo e pubblichiamo questa lettera inviataci da un lettore e relativa alla comunicazione che SMG ha inviato ai propri clienti nella quale si annunciava una riduzione di 1,5160 c€/mc per il prezzo del gas. Questo sconto, associato alle recenti vicende di cronaca, ha provocato l’indignazione del nostro lettore. In realtà SMG ha avuto la sola colpa di non chiarire meglio il contesto nel suo comunicato. Lo sconto non è legato alla presunta truffa del gas ma era qualcosa di già annunciato da SMG nello scorso mese di marzo e confermato dall’AD di SMG Bartolomeo Zoccoli in un’intervista che aveva rilasciato a QuiArese nello scorso mese di luglio (leggi qui). Nella stessa intervista Zoccoli affermava anche che, nel momento in cui la magistratura avesse riconosciuto il danno patrimoniale a SMG, questa avrebbe provveduto a rigirare ai cittadini l’intera somma. Come afferma Zoccoli nella risposta al nostro lettore, è stata solo una sfortunata coincidenza se la svolta nelle indagini è coincisa con l’applicazione delle nuove tariffe. Nuove tariffe che, peraltro, vanno proprio a tutela del consumatore perché, pur rimanendo SMG nel mercato libero del gas, ha deciso di applicare come presso massimo quello del mercato tutelato, prezzo questo facilmente verificabile da chiunque.

Spettabile QuiArese, ieri mattina ho ricevuto, come credo tutti coloro che sono con SMG per la fornitura del gas, una circolare che ritengo offensiva e lesiva, in quanto dopo solo due giorni da quello che è successo in consiglio comunale, con l’allontanamento del sindaco, causato pare da gonfiamento delle bollette, costoro “con estremo piacere” mi comunicano che dal primo di ottobre prossimo mi applicheranno uno sconto di 1,5160 c€/mc. La ritengo una mancanza assoluta di serietà, di professionalità, di rispetto verso l’utenza, avrebbero invece dovuto almeno avere il buon gusto di proporre da subito almeno il 50 per cento di sconto su quanto non era dovuto, visto che ovviamente erano al corrente della furbata, invece che “con estremo piacere” scrivere che rientreranno nelle tariffe applicate per il mercato tutelato. Questa purtroppo è l’Italia di oggi, poveri noi, ma sopratutto poveri giovani, che futuro si prospetta loro! RingraziandoVi per la lettura che spero venga evidenziata nelle vostre  “ultime notizie dalla città” mi è gradito porgervi cordiali saluti
Andrea Europeo

Egregio direttore,
purtroppo la “mala” informazione sta colpendo Arese da un po’ di tempo e sta sicuramente creando danni alla nostra società. La lettera allegata alla bolletta appena inviata è la conseguenza del lavoro svolto già a marzo, quando resoci conto di quanto stesse avvenendo, abbiamo provveduto a cambiare fornitore e senza utilizzare alcun intermediario. Se va a controllare cosa le avevo detto in uno dei nostri precedenti incontri troverà questa mia affermazione coerente. E’ stato solo un caso, non potevamo prevedere le tempistiche della Procura, che ciò sia avvenuto in tali circostanze. Ancora una volta qualcuno sta mestando nel fango e non fa capire ai cittadini quanto effettivamente successo e cioè che, all’insaputa di SMG, ci è stato sottoposto un prezzo di acquisto maggiorato e che il maggior prezzo è stato incamerato da altri e non da SMG. Nessuno in SMG ha gonfiato volutamente le fatture per alcun motivo. Il resto sono chiacchiere alle quali vorrei per il momento sottrarmi. La ringrazio e la saluto cordialmente.
Bartolomeo Zoccoli