Home Rubriche Lettere

Sport: Lega attenta e vigile

AGGIORNATO 30 maggio 2011Il dibattito tra Vittorio Turconi (commissario della Lega Nord ad Arese), Alessandro Chiappini (procuratore speciale di Intese, società che gestisce il centro sportivo) e Giuseppe Augurusa (esponente del PD) prosegue. Ecco un nuovo intervento di Turconi seguito da una una richiesta di maggiore rispetto per le istituzioni della Repubblica Italiana di Chiappini.

Caro direttore,
in una mia missiva di qualche settimana fa alla tua domanda in cui mi chiedevi un parere sull’imparzialità tua e di QuiArese, mi ero espresso favorevolmente. La penso sempre così, però vorrei farti un appunto. Avevo inviato una lettera aperta spiegando la situazione del Centro Sportivo Davide Ancilotto, dove sottolineavo l’arroganza del Procuratore di Intese, tale Cav. Chiappini.

Nel pubblicare la mia missiva, avete giustamente ritenuto, essendo il Cavaliere da me citato, contattarlo per eventuale replica, replica che lo stesso non ha esitato a dare, raccontando come al solito a modo suo cose non vere.

Addirittura, si è permesso di additare nella mia persona il desiderio di occupare la poltrona di Fondazione e avanzare anche richieste di compensi, oltre ad affermare che la mia presa di posizione nei confronti del Centro Sportivo, e quindi nei confronti di Intese dallo stesso Chiappini rappresentata, era solo ed esclusivamente per interessi personali o di partito e non certo nell’interesse della cittadinanza. Come mai QuiArese non ha usato lo stesso criterio contattandomi per esprimere il mio parere? Tra l’altro, l’argomento che mi riguardava era forse più importante rispetto al sostenere un atteggiamento arrogante, visto che cita espressamente interessi economici.

Comunque sottolineo maggiormente l’arroganza del Cav. Chiappini, che in ogni caso deve delle risposte ben chiare e precise su argomenti che probabilmente verranno valutati in altre sedi che non quelle delle testate dei giornali. Oggi leggevo su un giornale locale che Chiappini addirittura dice che gli aresini non hanno la capacità di sostenere la struttura del Centro Sportivo, e lui si propone come salvatore della patria. Ma faccia il favore: torni da dove è arrivato, altro che continuare a vendere fumo!
Rispondo anche ad Augurusa, che ringrazio per il suo intervento, dicendo solo che se siamo arrivati a questo vuol dire che la Lega non ha mai dormito. Giorni fa scrissi che tranquillizzavamo gli aresini assicurandoli che la Lega era presente sul pezzo. Oggi questo lo ridico.

Se fossi all’opposizione, probabilmente sosterrei le tesi di Augurusa, ma come lui stesso sottolinea, la Lega è parte in causa. Certo, è parte in causa come partito organo di governo, quindi le decisioni che prende le deve ponderare con senso di responsabilità, non certo sostenere solo tesi di disappunto totale: abbiamo il dovere di trovare e studiare le soluzioni per non fermare lo sport in Arese e per non mandare al macero il Centro Sportivo.

Voglio anche sottolineare che se le amministrazioni precedenti (anche quella del PD di Augurusa) avessero vigilato e agito come sta facendo la Lega oggi, non saremmo in questa situazione. Dissi a suo tempo che era troppo comodo per i rappresentanti del PD Calaminici e Scortecci dimettersi e oggi lo risostengo. Dopo avere condiviso sempre tutto, quando si è arrivati alla parte più difficile in cui è stato richiesto senso di responsabilità si è abbandonata la nave. Ora che serviva dare forza a nuove iniziative ci si dimette.

Si lotta assieme e da dentro. Visto che voi del PD avevate sostenuto che a differenza di altre occasioni con la Lega vi era un apertura, questo era ed è il mio disappunto. Ovvio che le situazioni sono diverse, e questa è la differenza: un conto è essere al governo, un conto essere all’opposizione. Assicuro che la Lega ci sta mettendo  la faccia con senso di responsabilità, e al di là di quello che dice il Cav. Chiappini, tranquillizziamo gli aresini che prima Chiappini se ne andrà prima si tornerà a fare sport in Arese. Dimenticavo: informo che il Cav. Chiappini, sempre dall’alto della sua arroganza, si è permesso di andare dal segretario provinciale della Lega Nord per chiedere un suo supporto, asserendo che la Lega ad Arese sta ostacolando un investimento di 12.000.000 di euro. Forse non contento delle risposte che ha avuto, chissà dove vorrà andare a cercare un altro santo protettore e chissà cosa millanterà ancora.

Ringrazio Augurusa per il suo appoggio e per i suoi suggerimenti. Vedremo se il PD nelle opportune sedi darà dimostrazione di fattiva collaborazione nel proporre e sostenere iniziative non ai soli fini polemici e contraddittori, ma costruttivi.

Buon lavoro
Vittorio Turconi
Lega Nord Arese

Una precisazione da parte nostra: il diritto di replica su QuiArese è sempre assicurato. Abbiamo ritenuto nel caso specifico di contattare direttamente Alessandro Chiappini per avere un punto di vista aggiuntivo su un argomento che interessa tutta la città. Non possiamo per ovvi motivi, dopo avere sentito i pareri di entrambi, continuare a gestire in prima persona un botta e risposta di questo tipo. Difficile ipotizzare, per esempio, che dopo l’intervento di Augurusa ricontattassimo sia Chiappini sia lei per avere i rispettivi punti di vista. Chiunque partecipi al dibattitto può comunque scriverci per aggiungere nuove considerazioni, come è avvenuto in questo caso.

E come succede anche in questo caso, con queste righe di Alessandro Chiappini che, non senza ragione, chiede rispetto, se non per la sua persona, quantomeno per un onorificienza assegnata dalla più alta carica istituzionale della Repubblica.

Caro Direttore,
questa lettera è priva di contenuti reali, quindi non è necessario lei la pubblichi se ritenesse rinfocoli soltanto la polemica. Quello che scrive Turconi è vero ma le sue considerazioni e interpretazioni son solo sue. Più volte però brandisce il mio titolo come fosse un demerito, sa, questo è spiacevole. Cavaliere “Onore al Merito della Repubblica Italiana, quella Unita, quella per la quale ho gridato “Patria e Onore” al mio giuramento in Marina, quella nel nome della quale il Magnifico Rettore ti conferisce la Laurea, io penso sia una cosa seria. Quel diploma me lo ha conferito il Presidente Napolitano che dopo il Presidente Pertini e come Lui ha avuto l’onere di guidare l’Italia in uno dei momenti più duri e oscuri della nostra storia Patria. Perché vilipenderlo? Ognuno fa il meglio che può nella propria vita, qualche volta, qualcuno, ritiene di vedere in quell’operato qualcosa di giusto e per incentivare che si continui su quella rotta da un premio, un riconoscimento, niente soldi, niente di materiale, solo un titolo, perché vilipenderlo?

I miei rispetti
Alessandro Chiappini