Home Rubriche Lettere

Vegetti: “Caro Cda, è così che si torna riferimento sociale?”

12 dicembre 2018 – Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di Achille Vegetti, fino al maggio 2017 presidente della Cooperativa Agricola Edificatrice. Nella quale Vegetti sostiene che la cooperativa stia progressivamente perdendo quel ruolo di riferimento sociale che le era proprio.

Nel numero 3/2018 di La Torrazza in cui s’informava del nuovo consiglio di amministrazione della Cooperativa Agricola Edificatrice L.N. scriveva sul programma del nuovo consiglio di amministrazione: “… far tornare questa storica realtà cittadina un punto di riferimento sociale ed economico della nostra comunità”.

Siccome sono stato presidente fino al maggio scorso questa frase mi ha offeso come penso abbia offeso tutto il vecchio consiglio di amministrazione. Oggi, passato un anno e mezzo dal rinnovamento, vorrei capire i passi fatti per tornare a essere un punto di riferimento sociale. Riassumo quanto organizzava il vecchio consiglio di amministrazione e lo confronto con quanto è fatto oggi.

Pubblicazione del giornaletto per i soci:
Prima: almeno quattro uscite anno
Oggi: non è più pubblicato

Gite sociali:
Prima: due gite/anno ognuna con due pullman e circa 100 persone
Oggi: l’ultima gita è stata annullata per mancanza di iscritti

Concorso fotografico Città di Arese:
Prima: organizzato con il patrocinio del Comune
Oggi: scomparso

Aperitivo e castagnata con i cittadini (organizzate nel cortile):
Prima: organizzate in primavera e in autunno con la partecipazione di scrittori locali e mostre (in primavera) e con gli alpini e le castagne in autunno
Oggi: cancellate

Sponsorizzazioni:
Prima: veniva dato un contributo (tra gli altri anche a La Torrazza) per le manifestazioni organizzate da società/associazioni locali e contributi ad associazioni locali
Oggi: cancellate

Pranzo sociale:
Prima: organizzato la terza domenica di ottobre con 60/100 partecipanti anno.
Oggi: l’ultimo, a novembre, ha visto la presenza di poco più di una decina di soci

Apertura dell’ufficio ai soci:
Prima: oltre alla mattina, garantita dalla segretaria, soci volontari garantivano l’apertura il pomeriggio
Oggi: l’ufficio rimane aperto solo la mattina

Mi chiedo e chiedo agli attuali amministratori se questo è il modo di tornare a essere punto di riferimento sociale della nostra comunità. Tra le altre cose, senza nessuna informazione ai soci, alcuni mesi fa si sono dimessi dalla carica il presidente e il vice e ne sono stati nominati due nuovi.

Per finire vorrei ricordare che il prossimo anno la nostra cooperativa compirà cento anni e mi auguro che almeno nel mese di ottobre, mese della sua fondazione, la cooperativa torni a essere veramente un punto di riferimento cittadino.

Achille Vegetti

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese