Home Rubriche Più o Meno

Propongo di cambiare i nomi! Più o meno…

20 settembre 2013 – Sto seguendo su QuiArese Facebook un bel dibattito. Finalmente c’è partecipazione. Volevo commentare anch’io e lo faccio attraverso questa Rubrica che QuiArese ha voluto creare, sperando di non deludere. E visto che si parla col “diminutivo”, andiamo avanti così. L’argomento della diametralina e della futura mobilità in Arese ha sollevato una serie di suggerimenti e sono convinto che la nostra Amministrazione ne terrà conto, valutandoli con oculatezza. Alla mia maniera, avrei anch’io qualche idea. Ricordate? Fu fatto il referendum per l’abolizione del finanziamento ai Partiti: hanno continuato a prendere danaro pubblico cambiandone il nome. Ebbene, essendo evidente ormai che la tangenzialina sarebbe stata utile, chiamiamola secantina e facciamola! Non sono utili le rotondine per scoraggiare gli automobilisti? Chiamiamole ovaline, ma facciamole annullando costi di manutenzione semafori e colonne d’auto in sosta. Non vogliamo i dissuasorini? Chiamiamoli rallentatorini ma facciamoli che non rovinino le sospensioni delle auto e le schiene, senza farli diventare percorsi di guerra e privi di segnalazioni.

Le foto 1 e 2 mostrano come si sono ridotti i punti luminosi che erano posizionati in via M. Resegone … Non si vogliono le carreggiatine come Londra e Madrid? Chiamiamole corsiette e facciamole con attenzione e prevedendo sbocchi d’emergenza. Non vogliamo piste ciclopedonaline utili? Chiamiamole pedociclabiline ma facciamole, caso mai sfruttando gli spazi che verranno creati a lato marciapiedi! Non si vuole un collegamentino di bus con Rho-Fiera MM? Chiamiamolo servizino pubblico e facciamolo, ma si trovi un percorso che serva le varie zone della Città, sia veloce e a spesa pari all’attuale per gli utenti. Non vogliamo il Piano Pavone? Chiamiamolo Piano Lumachina, ma facciamo qualcosa per essere più sicuri e per salvaguardare l’Ambiente. Scusate la solita facile satira, ma siamo al punto che le cose vanno fatte, vanno fatte bene, costi onesti e senza sprechi. Facile a dirsi… Più o Meno.

Francesco Gentile
www.gents.it/blog/

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.

Foto 1

 

Foto 2