Home Rubriche Più o Meno

Viabilità, Più attenzione a zone Meno note

18 dicembre 2013 – Intervenire sull’attualissimo argomento “viabilità” di Arese è molto difficile: ci si trova in fretta e furia, per tanti motivi resi già noti, ad avviare i lavori. Ritengo che le osservazioni in merito al progetto, a favore o contro, siano state fatte da tanti in maniera Più o Meno onesta, attenta e anche propositiva. Ho visto anche su Facebook di QuiArese i tanti commenti dei Cittadini aresini che tengono a cuore il futuro della città. Vorrei solo fare qui un esempio, al di fuori dell’oggetto del dibattito, ma che potrà essere di “riflessione” , rendendomi conto che casi simili ce ne sono tantissimi. Si parla tanto di sicurezza delle strade e quasi sempre dell’asse Resegone – Nuvolari – Gran Paradiso… ma qualcuno ha mai constatato la situazione in via Valera, specie davanti ai negozi del Gran Paradiso e alle uscite dai box? Le foto, la prima delle quali tratta oggi da Google Maps ma scattata probabilmente d’estate e le altre due scattate oggi da me, rendono meno problematica questa nota, ma si può constatare che in giorni feriali e di traffico i pericoli sono enormi.

Le auto in sosta ai due lati, con alcune, specie furgoni, che fuoriescono per lunghezza dalle strisce, creano ostacoli alla visibilità. Chi percorre la strada deve pregare che mai un cagnolino sfugga o bambino esca correndo da un’auto o scenda dai marciapiedi, oppure chi sale dalle rampe dei box, specie in presenza di neve o ghiaccio, deve fermarsi in pendenza,  perché se vuole farlo in piano si trova su una striscia pedonale… con qualcuno che sta attraversando. Spesso lassù qualcuno protegge i pedoni ma anche gli automobilisti hanno bisogno di aiuto! Anche qui sarebbero necessari dissuasori di velocità e interventi per gli attraversamenti pedonali. Conclusione di un incompetente osservatore quale chi scrive: se lo scopo è la sicurezza di persone, animali e cose, si necessita di Più realismo e Meno megaprogetti, esaminando caso per caso le opere da fare.

Francesco Gentile
www.gents.it/blog/

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.