Home Scuola

1,5 milioni di euro per i tetti delle scuole

03 luglio 2013 – E’ stato approvato la scorsa settimana il progetto definitivo ed esecutivo relativo alla manutenzione straordinaria delle scuole aresine, che riguarderà principalmente i tetti, che saranno oggetto di lavori di rifacimento del manto di copertura e lattonerie. Gli interventi, che rientrano all’interno delle opere previste nell’ambito dell’Accordo di Programma per l’area ex Alfa, riguarderanno la scuola dell’infanzia Gianni Rodari e l’asilo nido Aquilone, la scuola dell’infanzia Arcobaleno, la scuola primaria Europa Unita, la scuola secondaria di primo grado Leonardo da Vinci e il liceo artistico Lucio Fontana. Il valore economico degli interventi che verranno effettuati sulle coperture delle scuole è stato stimato in 1,5 milioni di euro. Tra gli altri obiettivi delle opere c’è anche quello, come sostiene il Comune, di migliorare l’efficienza energetica e il microclima degli edifici scolastici, con le opere che prevedono anche la coibentazione delle coperture, consentendo miglioramenti significativi sui futuri costi di gestione delle strutture. In questa fase non è però programmata alcuna azione innovativa dal punto di vista ambientale, come l’installazione di pannelli voltaici, per i quali è stata solo prevista la predisposizione degli edifici.

“Da molto tempo – commenta l’assessore ai Lavori Pubblici Enrico Ioli – le scuole necessitano di un intervento radicale sulle coperture, per eliminare le infiltrazioni d’acqua e le dispersioni di calore. Le nuove coperture assicureranno anche una maggior facilità di manutenzione, grazie alla messa in sicurezza dei sistemi di accesso e di ancoraggio, senza necessità di installare, in seguito, ponteggi per l’accesso manutentivo, e contribuiranno a preservare le facciate degli edifici. Sono predisposte per la futura installazione di pannelli fotovoltaici o solari termici. I costi e il progetto sono stati verificati, sulla base delle previsioni convenzionali, da professionista terzo rispetto all’operatore e al Comune”.

I lavori di manutenzione straordinaria inizieranno indicativamente verso la metà di luglio per concludersi, salvo imprevisti in corso d’opera, in tempo per l’inizio del prossimo anno scolastico. A queste tempistiche fa eccezione il liceo artistico, del quale si dovrebbe occupare la Provincia, con la quale l’amministrazione sta concordando le modalità e le tempistiche di intervento.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese