Home Scuola

Approvato progetto bonifica per la Pellico

24 settembre 2013 – Terminati a inizio agosto i lavori di rimozione dell’amianto dai pavimenti degli asili, potrebbe a breve essere la scuola media Silvio Pellico a essere interessata da una nuova bonifica. La giunta ha, infatti, approvato il progetto definitivo-esecutivo per i lavori di messa a norma e rimozione dell’amianto da questo plesso scolastico. Il progetto presentato dagli uffici tecnici del Comune prevede una spesa complessiva di 520.000 euro, dei quali circa 361 mila sono ascrivibili ai lavori veri e propri mentre i restanti 155 mila comprendono, come voci più rilevanti, IVA, analisi Sem e, per un’incidenza di 40 mila euro, spese per i servizi di imballaggio materiale, sgombero locali, riposizionamento degli arredi e pulizia degli arredi stessi e dei locali. Per la copertura finanziaria il Comune conta di poter accedere ai finanziamenti previsti dall’articolo 18 del Decreto del Fare, che alloca risorse finalizzate a finanziare “progetti esecutivi, immediatamente cantierabili di messa in sicurezza, ristrutturazione e manutenzione straordinaria di edifici scolastici”. Nel caso venisse approvato il finanziamento, la cui richiesta è già stata depositata, il progetto verrebbe inserito nel bilancio e nel programma triennale delle opere 2013-2015.

Per quanto riguarda la tipologia di interventi che verranno eseguiti, questa è stata determinata da quanto emerso dai recenti lavori di mappatura amianto condotti presso gli degli edifici scolastici aresini. Per la Silvio Pellico le analisi avevano evidenziato la presenza di amianto nelle pavimentazioni, sulle quali si era già intervenuto nel 2012 per sistemare quelle in peggiore stato di conservazione. Anche dopo questi lavori, però, l’amianto rimane presente in alcune aule con le piastrelle realizzate in vinil-amianto e nei collanti utilizzati per la posa in opera delle pavimentazioni. Secondo quanto previsto dal progetto, oltre agli interventi di bonifica, la Silvio Pellico sarà anche interessata da lavori manutentivi. Questi interventi riguarderanno i blocchi bagno, che versano in cattive condizioni e che non rispettano il regolamento edilizio comunale. L’amministrazione, infine, ha già anticipato che il bando di assegnazione prevederà che i lavori siano condotti in un periodo dove non si svolgono attività scolastiche, perché la loro tipologia non è compatibile con il normale svolgimento delle lezioni.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese