Home Scuola

Ieri in piazza anche il Falcone e Borsellino

15 novembre 2012 – Quella di ieri è stata una giornata di scioperi e di mobilitazione internazionale, durante la quale studenti, sindacati e società civile di ben 23 dei 27 paesi della Comunità Europea sono scesi in piazza a manifestare contro le politiche di austerità adottate dai leader europei che, a detta di molti, stanno cancellando il futuro delle nuove generazioni. Un argomento questo che tocca direttamente gli studenti, con quelli del liceo Falcone e Borsellino che hanno aderito all’iniziativa attuando un picchetto per impedire l’ingresso nell’istituto. I cancelli sono stati chiusi addirittura con delle catene e pare che alcune serrature siano state intasate con del silicone. A quanto si apprende, solo poche decine di alunni sono entrati per fare lezione, mentre la grande maggioranza è rimasta all’esterno per circa due ore prima di dirigersi a Milano per unirsi alla manifestazione.

Alle motivazioni generali della protesta, gli studenti aresini ne hanno aggiunte altre che riguardano direttamente il loro istituto. I ragazzi, infatti, hanno manifestato perché le politiche di austerità stanno colpendo direttamente anche il loro liceo, dove mancano fondi anche solo per la riparazione di tende, caloriferi e porte. Sempre a causa della mancanza di fondi, l’istituto è costretto ad assumere professori in condizioni di precariato, danneggiando gli studenti stessi. Per concludere, dall’anno prossimo dovrebbe essere obbligatorio per ogni classe l’utilizzo di un registro elettronico che richiede una connessione di rete Wi-Fi, una strada però impraticabile sempre a causa della mancanza dei più volte citati fondi. A tutto questo si aggiunge la carenza di aule di cui si era già parlato qualche tempo fa .

Erano parecchi anni che non si attuava una protesta di queste proporzioni nell’istituto aresino dove, a partire da oggi, tutto dovrebbe comunque essere tornato alla normalità.

Servizio di Patrick Evi

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.