Home Scuola

Il Pedibus… è stato lasciato a piedi!

04 ottobre 2012 – Dopo avere ricevuto un comunicato stampa dal Comune di Rho, nel quale si annunciava la partenza del Pedibus in quella città, abbiamo stuzzicato il Comitato Genitori Arese inoltrandoglielo. E questo è il loro intervento, che descrive di come dell’iniziativa avviata esattamente un anno fa dall’allora assessore Domenico Congedo ben poco rimane. Almeno a livello istituzionale, perché comunque i genitori si sono organizzati autonomamente, grazie anche alla preziosa collaborazione di Giuseppe Puglisi dell’Associazione Nazionale Carabinieri. Noi crediamo che questo progetto, pur se piccola cosa rispetto agli altri problemi della nostra città, possa e debba meritare un minimo di attenzione da parte dell’amministrazione cittadina.

Grazie ad una segnalazione di QuiArese arrivata al Comitato Genitori Arese, apprendiamo che da martedì 24 settembre a Rho ha preso avvio il Pedibus. E Arese? Arese può vantare una linea di Pedibus auto-organizzata grazie alla perseveranza e alla tenacia di un gruppo di bambini e dei loro genitori che credono talmente tanto nel progetto da decidere di continuare a dare il buon esempio e cercare di colmare una mancanza. Fin dal primo giorno di quest’anno, abbiamo ripreso la buona abitudine di andare a piedi a scuola studenti e accompagnatori e con qualsiasi tempo.

Al momento, purtroppo, stiamo operando come gruppo auto-organizzato, non c’è nessuna collaborazione l’Amministrazione Comunale, nonostante i cartelli lungo il percorso. Abbiamo a lungo partecipato ad un tavolo di lavoro tra Cga e Ufficio Educazione e Formazione per realizzare il progetto e, per quel che ci risulta, a oggi, dovrebbero essere state stipulate delle convenzioni con l’Associazione Nazionale Carabinieri e gli Alpini per supportare i genitori nell’accompagnamento… attendiamo con fiducia. In realtà, il precedente anno scolastico, abbiamo avuto la preziosissima collaborazione di Giuseppe Puglisi dell’Associazione Nazionale Carabinieri che, in base all’accordo stipulato con il Comune, avrebbe dovuto accompagnare la linea Pedibus Einaudi-Col di Lana fino a fine Novembre 2011. Giuseppe si deve essere affezionato ai bambini e al progetto, perché abbiamo avuto il piacere di averlo con noi tutto l’anno scolastico! A breve tornerà ad accompagnarci, magari l’Anc riuscirà a coinvolgere altri soci nel progetto e speriamo di avere il piacere di accompagnarci anche con gli Alpini…

Ci rimane però un desiderio, vorremmo tanto che il contributo dell’Amministrazione non si limitasse a concordare con le Associazioni locali un servizio di accompagnamento (per noi preziosissimo, sia ben chiaro!). Abbiamo ben presente che siamo un Comune commissariato, abbiamo anche ben presente che il commissario è obbligato a far fronte prima a questioni urgenti e il Pedibus è un progetto di nicchia, però noi non molliamo! Oltre a continuare a camminare ogni giorno verso la scuola, torneremo a chiedere agli uffici preposti di farsi promotori presso le scuole del Pedibus, di progettare nuove linee e di assumere il ruolo di coordinatori del progetto. Intanto, nel nostro piccolo, proviamo a rilanciare la nostra linea di Pedibus: tutti gli studenti della scuola primaria di via Col di Lana possono raggiungerci alle ore 8,05 in via Einaudi, di fronte alla materna Peter Pan, lato opposto del marciapiede, per camminare con noi verso la scuola. In fase di avvio, per conoscerci, chiediamo la presenza di un genitore o di un accompagnatore lungo tutto il precorso. L’invito a raggiungerci vale anche per coloro ai quali piacerebbe diventare accompagnatori volontari (pensiamo a quelle persone in pensione che hanno voglia di renderesti utili) per entrare a far parte di quel meccanismo virtuoso che riduce l’inquinamento e che aiuta i bambini in quel processo di autonomia consapevole che li renderà adulti migliori!

I bambini e i genitori del Pedibus via Einaudi-via Col di Lana
Per maggiori informazioni:
[email protected]

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.