Home Scuola

Le scuole a lezione di educazione stradale

02 aprile 2014 – Anche nell’anno scolastico in corso, alcune classi delle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado, hanno partecipato ai percorsi di educazione stradale, che sono stati condotti con molta passione dall’agente di Polizia Locale, Marianna Santopaolo. Gli incontri, avviati a gennaio, sono rivolti ai bambini del terzo anno della scuola dell’infanzia, del secondo e terzo anno delle scuole primarie e ai ragazzi del secondo anno della scuole secondarie di primo grado di Arese. Naturalmente, in base all’età, cambiano le modalità di coinvolgimento, proiezione di filmati, spiegazioni, attività multimediali, uscite sul territorio, utilizzate per catturare l’attenzione dei partecipanti, stimolare riflessioni sul comportamento da tenere e trasmettere la cultura della sicurezza stradale.

I più piccoli hanno sperimentato anche “Un giorno da vigile”, fermando le auto di guidatori “disattenti” che, in accordo con l’agente di Polizia Locale, transitavano davanti al gruppo dei “piccoli agenti”, commettendo un’infrazione, anche questa concordata. Le piccole vigilesse e i piccoli vigili hanno redatto anche delle “multe” per sosta vietata o guida col cellulare, ricordando agli adulti che, solo con il buon esempio, si insegna ai più giovani a comportarsi correttamente sulla strada. “È il terzo anno – ha commentato Marianna Santopaolo – che portiamo questo progetto nelle scuole allo scopo di promuovere un comportamento rispettoso delle regole del Codice della Strada, ma anche per avvicinare bambini e ragazzi a guardare positivamente agli agenti. A volte, si riscontra una certa ritrosia nei confronti di chi indossa una divisa, ma con un po’ di simpatia riusciamo a entrare in sintonia con le classi e a creare una buona relazione”.

L’importanza del progetto e l’impegno dell’amministrazione su questo tema è stato confermato anche dal sindaco Michela Palestra e dall’Assessore a Sicurezza e Vigilanza Roberta Tellini: “Siamo soddisfatti – dichiarano – dell’entusiasmo con cui è stato accolto il progetto. L’insegnamento dell’educazione stradale è fondamentale. I nostri bambini e ragazzi sono oggi pedoni, ma anche conducenti di biciclette e motorini e saranno gli automobilisti di domani. Le prime nozioni di sicurezza stradale si imparano a scuola e, fino all’esame per la patente, spesso sono le uniche che hanno in mano i ragazzi, insieme al nostro esempio. Quindi, ben vengano le iniziative di sensibilizzazione in tal senso”.

Il progetto ha coinvolto anche i più grandi. L’amministrazione comunale, in collaborazione con il liceo artistico Fontana ha, infatti, lanciato un concorso di idee per l’ideazione di un disegno sul tema della sicurezza stradale, che diventerà l’immagine di una t-shirt per il progetto di educazione stradale del prossimo anno. I progetti saranno esposti dall’8 al 22 aprile sul sito del liceo e su quello del Comune e i vincitori saranno premiati con buoni acquisto da utilizzare presso una cartolibreria.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese