Home Scuola

Liceo: quando l’istruzione non basta

21 giugno 2012 – Il liceo Falcone e Borsellino è considerato una delle migliori scuole della provincia di Milano. Il merito di questo va soprattutto al livello molto alto di professori e alla diligenza degli studenti che frequentano il liceo. Cosa dire dell’organizzazione della scuola? Anche questa molto funzionale anche se negli ultimi anni si sono presentati alcuni intoppi. Frequentando il liceo ormai da quattro anni ho notato che oltre ai pregi sopra elencati esistono alcuni difetti che non sono riscontrabili se non vivendo la scuola. Nell’ultimo periodo, infatti, si sono verificati disagi notevoli per tutti, sia per gli studenti che per i professori. Il liceo ormai da circa dieci anni ha adottato un prefabbricato posto nel giardino della scuola poiché le classi nell’edificio principale erano insufficienti per contenere il gran numero di ragazzi che durante il corso degli anni era aumentato. Questa costruzione, che dagli studenti ormai ha preso il nome di “pollaio” a causa del suo aspetto e anche perché nei primi anni venivano poste li le classi dell’indirizzo linguistico, quindi composte principalmente dal sesso femminile, verrà finalmente sostituito poiché non è in grado di garantire la sicurezza delle persone che lavorano e frequentano la scuola.

Infatti oltre ad essere un pugno in un occhio per chi lo guarda perché molto brutto e con le sbarre alle finestre, è pericoloso perché le scale per salire e scendere sono all’esterno quindi sottoposte alla pioggia, alla neve e al ghiaccio quindi fonte di pericolo di scivolare per qualunque persona debba salire e scendere. Non è l’unico problema che presenta quel prefabbricato, infatti nelle aule sono presenti delle stufette elettriche molto vecchie e l’anno scorso un paio scoppiarono provocando delle scintille che potevano mettere a repentaglio la salute delle persone presenti nell’aula. Spostiamo l’attenzione alla sede del liceo; anche qui le cose non vanno come dovrebbero andare, infatti il liceo dovrebbe fornire agli studenti un luogo adeguato per offrire il suo servizio. Nelle classi infatti si ha il problema del riscaldamento: quando arriva l’inverno gli studenti sono obbligati a tenere i giubbotti perché l’ambiente in cui sono è troppo freddo e non gli permette un abbigliamento normale. Sono problematiche che non tutti sanno ma solo quelli che le vivono possono confermare le stesse cose. Non metto in dubbio che il liceo Falcone e Borsellino sia una scuola molto valida ma mi piacerebbe che si discutesse di più anche dei problemi così che si trovi un modo per risolverli.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.

Servizio di Claudia Carminati