Home Scuola

Russell, saltata una delle due giornate di cogestione

04 giugno 2018 – Ogni anno agli studenti del liceo scientifico Bertrand Russell sono concesse dalla presidenza due giornate di assemblea d’istituto, durante le quali, sotto la supervisione dei professori, si organizzano vari corsi. I più classici sono i cineforum, il corso di primo aiuto, tenuto da volontari della croce rossa e da studenti istruiti sulle pratiche di soccorso, il torneo di scacchi, le varie attività sportive (principalmente calcio, basket e pallavolo, ma anche cheerleading e cricket) al Centro Sportivo Comunale di Garbagnate e l’originale concorso musicale “The Sound of Russell”. Si tengono, inoltre, ogni anno dei dibattiti riguardanti temi come il “public speaking” e come “vendersi” al meglio o come la crisi del mondo moderno, volendo citare solo quelli di quest’anno.

Tuttavia gli studenti nel 2018 hanno visto realizzarsi solo una delle due giornate previste. Infatti, mentre il 28 marzo i corsi si sono tenuti senza intoppi, il 5 aprile si è svolta regolare lezione e non si è tuttora potuta “recuperare”. Ciò che più ha stupito gli studenti è stato che di tutto ciò non è stato fornito un motivo ben chiaro né dai rappresentanti d’istituto, principali responsabili dell’organizzazione delle suddette assemblee, né dalla presidenza. Abbiamo, perciò, pensato che fosse giusto sentire l’opinione di entrambe le parti per avere una “versione ufficiale” completa sull’accaduto.

La presidenza ha, giustamente, chiarito che non c’è stato alcun veto all’organizzazione dell’assemblea e che l’annullamento della seconda giornata non è stata dovuta in alcun modo ad un intervento “dall’alto”. Come ci hanno, infatti, confermato i rappresentanti si è verificata un’incomprensione per quanto riguardava l’utilizzo degli spazi del Centro Sportivo e, visto che gli studenti aderenti ai corsi che si sarebbero tenuti lì erano troppi per essere trasferiti in altri corsi, il programma è “saltato”.

Nonostante adesso ci sia una spiegazione, gli studenti reclamano ancora affinché si “recuperi” la giornata persa prima delle fine dell’anno, seppur sia ormai poco probabile visto il poco tempo rimasto e il gran numero di impegni scolastici in programma.

Servizio di Riccardo Paolucci, Andrea Bellasio, Mattia Ambruosi ed Emanuele Rottigni

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese