Home Sport

Basket: Sg Sport soffre ma batte il Campus Varese

24 febbraio 2017 – Torna alla vittoria la squadra di basket di Sg Sport, dopo la sconfitta subita a tavolino la settimana scorsa per il ritardato arrivo del medico di campo. Avversario di turno l’ostico Campus Varese, che già nella gara di andata si era dimostrato un osso durissimo, a dispetto della loro classifica. Rispetto alla gara di andata però ci sono due differenze sostanziali: innanzitutto l’assenza di Daniele Marin, che qualche mese fa era stato assoluto protagonista della vittoria aresina, e il recupero da parte dei giovani ospiti di qualche giocatore infortunato.

Il primo quarto sorride agli aresini che si spingono fino ad un vantaggio di 7 punti sul 12-5 grazie all’ottimo impatto di Matteo Gorla sulla partita. Gli ospiti però non mollano e grazie ad una difesa molto spigolosa ed aggressiva recuperano fino al -1 della prima sirena. Il secondo quarto prosegue sugli stessi binari con Sg Sport che continua a soffrire la difesa fisica del Campus, riuscendo però a mantenere sempre un piccolo prezioso vantaggio. Si va quindi alla pausa lunga sul +3 per Arese, che come prevedibile soffre molto l’intensità degli ospiti.

Il terzo quarto parte con un mini break shock di 4-0 per il Campus che grazie a due schiacciate consecutive di Trentini sorpassa e si galvanizza. Nel momento di massima difficoltà è il capitano Mauro Binaghi a prendersi la squadra sulle spalle, prima con l’unica tripla della squadra di casa e poi con dei tiri liberi importanti. Anche Davide Marin riesce a rompere a sprazzi la pressione difensiva subendo dei falli che garantiscono degli importantissimi tiri liberi. Però i padroni di casa continuano a faticare moltissimo in attacco, facendo molta confusione e non riuscendo a trovare il bandolo della matassa. Gli ospiti invece trovano buone soluzioni contro la zona 2-3 che Arese aveva schierato per provare a cambiare ritmo alla partita e continuano a comandare con piccoli ma significativi vantaggi. A complicare le cose anche l’infortunio di Gabriele Binaghi, vittima di un problema muscolare. L’ultimo quarto riparte simile al terzo, ma finalmente Arese riesce ad eseguire con più razionalità andando a cercare i vantaggi vicino a canestro di Chinosi e Mauro Binaghi, ma soprattutto stringe le maglie in difesa e sorpassa senza più guardarsi indietro. I tiri liberi di Davide Marin, Mauro Binaghi e Chinosi chiudono la partita.

“Sapevamo che sarebbe stata dura – commenta il coach aresino – perché soffriamo molto le squadre che difendono in modo aggressivo e fisico, quindi sono molto soddisfatto del risultato, anche se la partita non è stata giocata al meglio. Dobbiamo sicuramente migliorare molto la gestione della palla sotto pressione e soprattutto dobbiamo difendere meglio e con più continuità, nei primi due quarti abbiamo concesso molto nelle situazioni di blocco sulla palla. Ora ci aspettano due trasferte durissime contro due squadre che lottano per salvarsi e che quindi giocheranno col coltello tra i denti come ha fatto il Campus oggi”.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese