Home Sport

Calcio: Saronno amara per il GSO

10 ottobre 2011 – Dopo le ultime due convincenti uscite contro Victor Rho e Pro Juventute, il GSO si trova ad affrontare la difficile trasferta in casa della Amor Sportiva, squadra di elevata caratura destinata a primeggiare nel girone. Gli aresini si presentano sul campo di Saronno con la formazione della domenica precedente, fatto salvo un leggero cambio di modulo che porta Perri ad affiancarsi ad Imparato nella coppia di trequartisti dietro l’unica punta Magagna. In avvio di partita la Amor fa subito capire come interpreterà  la gara: pressing asfissiante a centrocampo per inibire sul nascere tutte le iniziative del GSO e ripartire con i veloci attaccanti. Infatti dopo un tiro centrale di Trombini in avvio di gara, il primo tempo diventa un monologo dei saronnesi che sono bravi nel recuperare palla e veloci nel reimpostare l’azione offensiva: al 12’, dopo un’azione confusa in area di rigore, l’attaccante di casa trova un diagonale dal limite che non lascia scampo al portiere. Al 22’ arriva anche il raddoppio su una punizione dal limite ben calciata dal centrocampista biancoblu, ma sulla quale Cavalli ha qualche responsabilità. Al 25’ il primo cambio per il GSO, fuori un nervoso e già ammonito Melia e dentro Dezio nello stesso ruolo di terzino.

La partita prosegue sullo stesso tema, con il GSO che non riesce a costruire gioco: i padroni di casa operano un’interdizione molto efficace e i biancorossi sembrano troppo lenti per uscire dalla gabbia del pressing; la differenza di passo tra le compagini è troppo evidente. Al  32’ arriva l’ultima tegola sugli aresini: l’attaccante ospite calcia verso la porta con potenza una palla vagante e dai quaranta metri infila Cavalli, che anche in questo caso non sembra del tutto esente da colpe. Dopo il 3-0 non succede più nulla fino all’intervallo. Durante la pausa mister Meloni catechizza i suoi e li incita a cercare maggiormente il dialogo con il compagno e a liberarsi del pallone con maggiore velocità. I suoi consigli trovano buona applicazione da parte dei giocatori nel secondo tempo: complice anche il calo fisico e di concentrazione degli avversari, la partita nella seconda frazione appare completamente diversa da quella vista in precedenza. In campo si osservano infatti due squadre che giocano alla pari e si iniziano a vedere belle giocate e palle gol da entrambe le parti.

Prima Cavalli para su un tiro ravvicinato dei padroni di casa, poi al 52’ Perri si guadagna un rigore facendosi atterrare in area avversaria. Sul dischetto va il neo entrato Manolio, che però calcia centrale e il portiere riesce a toccare di piede e a mandare la palla sul palo favorendo l’intervento del difensore a liberare l’area. Grande occasione sciupata e risultato che rimane quindi invariato. Per il GSO entra anche Lai a mettere ordine nel centrocampo e la squadra riesce finalmente a proporre azioni più concrete. Meloni decide di aumentare le potenzialità offensive inserendo un altro attaccante per un difensore ma la Amor è una squadra solida e arrivare alla rete è impresa difficile. Ci riesce solo Pisano (entrato per Bellasio al 75’) che all’80’ scatta su un lancio di Lai e batte il portiere in uscita. È però troppo tardi anche per tentare l’ultimo assedio e la partita si chiude sul finale di 3-1. Onore quindi alla Amor Sportiva, squadra compatta e fisicamente ben preparata, che ha meritato la vittoria. La sconfitta del GSO è da imputare essenzialmente alla maggiore forza atletica dell’avversario, ma hanno pesato e non poco gli episodi sfortunati e la prestazione questa volta non molto convincente di alcuni giocatori fondamentali della rosa.

TABELLINO
AMOR Saronno – GSO Don Bosco Arese 3-1 (Pisano 80’)
Ammoniti GSO: Melia 20’ per gioco scorretto

PAGELLE
Cavalli 5, Melia 4,5 (dal 25’ Dezio 5), Bianchi 6,5, Giorgiutti M. 6, Bellasio 5,5 (dal 75’ Pisano 6,5), Trombini 5, Ferrari 4,5 (dal 51’ Lai 6,5), Sabbadini 4,5 (dal 54’ Piazzolla 4), Imparato 4,5, Perri 6, Magagna 5 (dal 48’ Manolio 4).

Servizio di Paolo Giudici