Home Sport

Con la Casoratese I due volti della NBA

19 dicembre 2011 – Nella sera del debutto dei due nuovi acquisti Mauro Matalone  e Federico Ponchiroli, la Freestation NBA offre una prestazione dal doppio volto nella sfida vinta per 69-62 con la Casoratese. Il primo tempo, giocato veramente male dagli aresini che vanno al riposo sotto di 14 e con appena 23 punti segnati, viene compensato dalla ripresa, con i 30 punti segnati nel terzo quarto e i solo 9 subiti nell’ultimo periodo. Quattro i giocatori aresini in doppia cifra: il top scorer De Piccoli con 17 punti (8/8 ai liberi, 3/4 da 2 e 1/2 da 3), Borroni e Razzaboni con 16 e Amadio con 11. E proprio Razzaboni, con l’intensità messa sul parquet, è stato il giocatore che ha dato il via alla riscossa aresina. Per lui le statistiche dicono 5/5 ai liberi, 4/7 da 2 e 1/1 da 3. I tre errori da 2 sono stati i primi tre tiri presi da Razzaboni, che poi ha infilato un 4/4. Determinante anche il contributo del neoacquisto Ponchiroli che nel finale ha recuperato 3 rimbalzi offensivi e per tre volte ha chiuso l’attaccante avversario costringendolo a perdere palla. Coach Gargantini ha, invece, preferito non rischiare Matalone a causa di un piccolo risentimento agli adduttori che si è manifestato all’ultimo momento.

Nel primo quarto la partenza della Freestation NBA è in linea con quanto visto nelle precedenti partite: brutta. La squadra difende bene ma fatica a trovare il canestro. Dopo 3’30”  il risultato è di 0-6 e Arese mette i primi 2 punti della partita solo dopo 4’30” di gioco con De Lucia. A 4’ dalla fine del quarto il punteggio è di 4-10 e la Freestation ha un poco tranquillizzante 2/10 dal campo. Arese è anche distratta e a fine quarto a Casorate viene concessa una facile tripla in un’azione dove gli ospiti avevano solo 5” di tempo per concludere. Il punteggio del parziale è di 10-19, con la Casoratese che ha un 4/5 al tiro da 3. Il secondo periodo è la fotocopia del primo. Dopo 3’30” di gioco il parziale è di 2-7 per la Casoratese. Gargantini chiama il time-out e le sue urla si sentono fino in tribuna. La Freestation non da però cenni di risveglio ed è sintomatica l’ultima azione dove De Piccoli prima recupera una palla, poi la perde banalmente regalando alla Casoratese un facile tiro da sotto che gli ospiti sbagliano; gli aresini, però, stanno a guardare la palla e Casorate prende un facile rimbalzo che viene trasformato in due punti che fissano il parziale del primo tempo sul 23-37. L’inizio del terzo quarto non fa sperare in nulla di buono, visto che la Freestation fa scadere i 24 secondi senza riuscire ad arrivare al tiro. Ma la squadra sembra ora avere un’altra determinazione e due triple consecutive di de Piccoli e Amadio dopo 3’30” sembrano suonare la carica per Arese che si porta sul 33-44. Sull’azione successiva un tecnico alla Casoratese regala due liberi e palla in mano ad Arese che però capitalizza con solo due punti.

A 4’ dalla fine del quarto Razzaboni decide che è il momento di dare una svolta alla partita, recupera un pallone, segna e subisce fallo. Per lui sono 3 punti e per Arese è il -8. L’inerzia della partita cambia completamente e a 2’ dalla fine del quarto la Freestation è a -2. Gli ultimi due minuti del periodo sono quelli che fanno vedere il carattere di Arese, perché a rimonta quasi ultimata alla NBA viene fischiato un discutibile fallo tecnico che permette alla Casoratese di riportarsi a +7 sul 46-53. Arese però non si fa scoraggiare e con una tripla di Amadio a 1’ dalla fine e un canestro di Borroni a 20” dalla sirena riesce a raggiungere per la prima volta gli avversari sul 53-53. Nel quarto parziale la Freestation ha recuperato tutto il distacco e dopo 45” di gioco trova il primo vantaggio della partita con un incredibile tiro da 2 di Borroni. Ma non è ancora finita perché a 7’20” dalla fine della partita Amadio perde palla e nel tentativo di recuperarla gli viene fischiato un fallo antisportivo molto dubbio. La Freestation però non si scoraggia e continua a difendere in maniera molto efficace, lottando su ogni pallone. Arese riesce così a mantenere il controllo della partita, sulla quale mette il suggello Ponchiroli quando a 45” dalla fine stoppa un avversario, recupera palla, subisce fallo e dalla lunetta mette il suo primo punto in maglia biancorossa. Gli ultimi secondi vedono la Casoratese alla ricerca del fallo sistematico ma Arese dalla lunetta sbaglia poco (24/29 alla fine) e conquista un’importante vittoria per 69-62.

E’ contento a metà coach Giuseppe Gargantini che dice: “Sono soddisfatto della vittoria, soprattutto perché è arrivata con una grande prova di carattere della squadra che ha saputo recuperare un passivo di 15 punti. In difesa abbiamo lavorato bene mentre in attacco facciamo ancora troppa fatica a trovare soluzioni. Ora c’è la sosta e ne approfitteremo per completare l’inserimento di Ponchiroli e Matalone che sarà molto importante perché alla ripresa ci aspettano due partite decisive in chiave playoff con Vigevano e Nerviano. Matalone aveva una piccola contrattura agli adduttori ma, visto come si stava mettendo la partita, avevo pensato di farlo entrare per dare una scossa alla squadra. Poi l’inerzia è girata e a quel punto ho preferito non rischiarlo”. Anche il general manager Silvio Saini sottolinea un paio di problemi che la squadra si sta trascinando da inizio anno e fa poi il punto sui due nuovi acquisti: “E’ da inizio stagione che ci confrontiamo con questi due problemi: la difficoltà ad aggredire le difese schierate e il fatto che non riusciamo mai a iniziare le partite con la giusta determinazione. La pausa del campionato ci permetterà di lavorare anche su questi aspetti, anche perché noi la passeremo in palestra! Anche se è ancora lontano dalla buona condizione fisica ho visto un grande Ponchiroli e non credo che in questa categoria ci sia un altro giocatore determinante come lui, in grado di fare tre recuperi e prendere tre rimbalzi offesivi come ha fatto nel finale di partita. Sarà importante completare il suo inserimento e quello di Matalone perché le prime due partite dopo la sosta potrebbero essere quelle che già fisseranno la griglia dei playoff”.

Tabellini
Risultato finale: 69-62 (10-19, 13-18, 30-16 e 16-9 i parziali dei quarti)
Freestation NBA: Marco Maffezzoli 2, Dario Borroni 16, Andrea Razzaboni 16, Daniele Amadio 11, Gualtiero Sabatini, Mauro Matalone, Federico Eleni, Federico Ponchiroli 1, Federico De Lucia 6, Ezio De Piccoli 17