Home Sport

Esercizi e relax al Camp Rhythmic’s Team

31 luglio 2015 – Le temperature record di questo luglio sono state ben contrastate dal Rhythmic’s Team, che ha  organizzato, dal 14 al 24 luglio, un Camp, presso il Centro Salesiano di Arese, regalando alle numerosissime atlete di tutte le fasce di età che vi hanno preso parte, iscritte alla società ma anche non iscritte, una vera e propria “full immersion” di attività sportive. Le attività del Camp, sono state scandite da una scaletta quotidiana molto serrata ma divertente, iniziando dalle 8.30 del mattino per concludersi alle 18.00. Nell’arco delle giornate le ragazze hanno alternato gli allenamenti con attività in palestra, i giochi di gruppo con un momento dedicato ai compiti, quest’ultimi svolti con impegno e dedizione. Il pranzo e la merenda hanno conciliato il divertimento con il dovere, lasciando al sudore delle atlete, dovuto un po’ dal caldo e un po’ agli sforzi, il compito di essere stanche ma soddisfatte.

Nei due venerdì di chiusura di settimana è andata in scena l’esibizione delle atlete davanti ai genitori e parenti, che come sempre partecipano numerosi a queste iniziative. Mitigati da un piccolo rinfresco, gli spettatori hanno assistito agli esercizi che come sempre in questo sport, vedono il cerchio, la palla, la fune, le clavette e il nastro, diventare i simboli di capacità individuali, che vengono trasmesse e insegnate con il cuore, da chi a sua volta le ha imparate prima. “Ringraziamo – dicono dal Rhythmic’s Team – il Centro Salesiano di Arese, in particolar modo il referente signor Dolcetti, per la disponibilità data, tutto lo Staff della mensa, sempre attento alle esigenze delle ragazze, i genitori delle partecipanti, per la loro costante presenza e le allenatrici che come sempre hanno saputo far innamorare le persone a questo sport”.

Le attività del Rhythmic’s Team riprenderanno a settembre. Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito Internet della società sportiva (clicca qui).

Articolo di Massimo Mazzarella

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese